03/12/2021

ALLARME TRUFFA

Chiamata di notte per spaventare e per derubare

Non ci si deve assolutamente cascare, ecco come difendersi

Chiamata di notte per spaventare e per derubare

27/10/2021 - 13:15

La chiamata arriva alle tre di notte, o giù di lì. Quando le difese sono abbassate, la mente, appena destata dal sonno, non è lucida ed è difficile discernere tra ciò che è reale, o quantomeno verosimile, e ciò che non lo è.

“Suo figlio ha provocato un grave incidente d’auto, ha ucciso una mamma e un bimbo piccolo. Lo stanno per arrestare, servono 5mila euro subito per evitargli il carcere. Passerà un incaricato dell’avvocato a ritirare la somma necessaria”. Una comunicazione agghiacciante, in grado di mandare in frantumi il mondo di chiunque. E’ stata fatta, la notte scorsa, a una donna di Rovigo. Per fortuna, non c’è cascata.

E’ quello che si deve fare, chiamando nel contempo il 112. La truffa è sempre la solita, quella nota come “del finto avvocato” o “del finto carabiniere”. E’ sempre necessario, in questi tremendi frangenti, per quanto possa essere obiettivamente restare freddi e lucidi, diffidare. Si deve, soprattutto, ricordare che in Italia non esiste l’istituto della cauzione, per il quale, pagando, si evita il carcere. Non esistono neppure avvocati che mandano propri incaricati a ritirare migliaia di euro di corsa a domicilio, né forze dell’ordine che manifestino esigenze del genere. Si deve chiamare immediatamente il 112.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette