28/11/2021

VENETO

Presa a fucilate e ferita da un cacciatore mentre passeggia

E' accaduto nel Veronese, Oipa chiede al Governo di intervenire con urgenza

Il giudice restituisce i richiami vietati ai bracconieri

18/10/2021 - 11:12

Nella mattinata di domenica 17 ottobre, nella zona di Santa Maria di Zevio, in provincia di Verona, i pallini sparati da un cacciatore hanno ferito a un occhio una donna mentre passeggiava.

L’Organizzazione internazionale per la protezione animali (Oipa) chiede a Governo e Parlamento di valutare seriamente le conseguenze dell’attività venatoria sulla sicurezza pubblica e di mettere mano alla legislazione in materia per evitare che, a fine stagione venatoria, si continui a fare la conta dei morti: cacciatori e non.

"La caccia causa ogni anno morti e feriti, spesso non cacciatori, colpevoli solo di essere nel posto sbagliato nel momento sbagliato, per esempio facendo una passeggiata in un bosco", commenta il presidente dell’Oipa, Massimo Comparotto.

"Quello delle vittime della caccia è un tema ancora poco considerato dalle istituzioni. Eppure, dato il conteggio delle vittime, Governo e Parlamento dovrebbero iniziare a riflettere sul problema di sicurezza pubblica evidenziato da questi incidenti. Quante vittime umane, senza considerare gli animali, dovrà ancora fare l’attività venatoria prima che questa circostanza diventi un allarme sociale? Occorrerebbe un giro di vite legislativo per eliminare alla radice questo grave problema di sicurezza pubblica».

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette