28/10/2021

Rovigo

Farmacie, i centralini dei tamponi

La corsa al test, ogni 48 ore, crea caos nelle farmacie del territorio: “Il telefono non smette di squillare”

Farmacie, i centralini dei tamponi

Una farmacia (foto generica d'archivio)

14/10/2021 - 11:32

ROVIGO - Chi pensa di evitare il vaccino sottoponendosi, ogni 48 ore, al tampone per ottenere il Green pass inizi a farsi due conti in tasca. Non soltanto economici (parliamo pur sempre di un esborso di circa 450 euro da qui alla fine dell’anno) ma anche in termini di tempo. Fare un tampone in farmacia richiede almeno 15 minuti: immaginatevi cosa succederà se - davvero - un esercito di (circa) 20mila lavoratori polesani senza Green pass da domani sarà costretto a mettersi in fila a giorni alterni davanti alle farmacie. Insomma, armatevi di (tanto) tempo e (tanta) pazienza, oltre che dei 15 euro richiesti per ogni test: con il rischio, dietro l’angolo, di non arrivare al lavoro in tempo, vanificando così spesa e attesa.

Le farmacie, in ogni caso, si stanno organizzando. “Siamo a saturazione: le nostre agende sono piene, così come quelle di quasi tutti i colleghi”, spiega da dietro al bancone della sua farmacia, in piazza a Baruchella, Alberto Melloncelli, veterano della categoria e presidente dell’ordine provinciale. E per essere ancora più chiaro sottolinea: “Abbiamo esaurito la disponibilità. Da giorni, il telefono della mia farmacia suona all’impazzata”. Da Villadose, Michelangelo Galante è tra i farmacisti che ha scelto, invece, di non fare tamponi nel proprio negozio. E sottolinea che “il sistema non è sostenibile. I tamponi ci sono, ma mancano materialmente il tempo e il personale per farli a tutti”. 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette