25/10/2021

AGRICOLTURA

Basta coi caporali e gli schiavi nei campi: incontro in prefettura

Si mette a punto un piano per il contrasto

Sfruttamento di manodopera e caporalato: 4 arresti grazie all'arma di Padova e Rovigo

07/10/2021 - 13:32

Il Prefetto di Rovigo Clemente Di Nuzzo ha incontrato ieri mattina il vicepresidente Simone Moretti e il Direttore Silvio Parizzi di Coldiretti Rovigo, il Presidente Dott. Stefano Casalini e il Direttore Massimo Chiarelli di Confagricoltura Rovigo, e il Presidente Giordano Aglio della Confederazione Italiana Agricoltori C.I.A. di Rovigo per una disamina generale delle problematiche del mondo produttivo agricolo. I vertici delle Associazioni di categoria, nell’evidenziare il rilievo delle diverse produzioni agricole nell’economia provinciale, hanno segnalato in particolare l’esigenza di forme di sostegno in favore di alcuni settori con particolari difficoltà tra i quali la frutticoltura e la bieticoltura. È stata anche rappresentata la difficoltà nella ricerca di forza lavoro per cui occorre spesso affidarsi ad intermediari costituiti in cooperative.  È stata altresì prospettata l’opportunità di una sensibilizzazione del sistema creditizio sulle peculiarità dell’economia agricola.

Il Prefetto ha assicurato il proprio interessamento in ordine alle tematiche manifestate, che potranno formare oggetto di esame in un tavolo di lavoro, anche con la partecipazione del mondo bancario. Nel corso dell’incontro il Prefetto, pure in relazione a quanto emerso in un recente seminario promosso da Regione Veneto su caporalato e agromafie dedicato alla provincia di Rovigo, ha chiesto ai vertici delle Associazioni di categoria agricole di farsi interpreti presso i rispettivi associati dell’attenzione rivolta dalla Prefettura alla prevenzione e contrasto di infiltrazioni criminali nel settore agricolo, e a segnalare eventuali situazioni sospette, sulle quali sarà garantita riservatezza.

Il Prefetto ha, altresì, rappresentato che in un recente incontro in materia di sicurezza e legalità nel lavoro di recente svoltosi in Prefettura, sono state assunte intese per una intensificazione della vigilanza su attività di intermediazione illecita nell’impiego di manodopera anche mediante sedicenti cooperative. Sono state inoltre date indicazioni alle Forze di polizia per l’effettuazione in ambito rurale di attività info-investigative al fine di cogliere elementi informativi su eventuali fenomeni illegali.

L’incontro è risultato particolarmente proficuo nella prospettiva di delineare un percorso condiviso e partecipato per la ripresa e la promozione delle produzioni agricole di eccellenza e per la difesa della legalità.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette