17/09/2021

POLITICA

Rimpasto, Chendi: "Non facciamo questua"

Il capogruppo del Pd al sindaco Gaffeo: "La crisi è aperta perché manca un assessore in quota Pd"

Rimpasto, Chendi: "Non facciamo questua"

15/09/2021 - 20:55

ROVIGO - Le dichiarazioni di Edoardo Gaffeo sul rimpasto di giunta (“nessuno si è fatto avanti”) hanno sollevato nuovamente la gran polvere che era stata accuratamente sistemata sotto il tappeto, dopo le dimissioni dell’assessore Patrizio Bernardinello del 28 giugno e l’apertura di una seconda crisi con il Pd (la prima era scoppiata con le dimissioni del sindaco il 1° maggio scorso, poi ritirate). La tregua della pausa estiva è già terminata e si torna a lottare all’interno della maggioranza.

“Mi hanno fatto andare di traverso le ferie con gli articoli di stampa che mi sono giunti e le parole che ho letto, mio malgrado”, dichiara il capogruppo dei dem Nello Chendi dalla sede della sua settimana di vacanza. Angelo Zanellato, invece, non si esprime e si limita ad annunciare a muso duro una posizione del partito, a breve. “Il sindaco non può fare il furbo e avere una doppia faccia - non ha peli sulla lingua Chendi - E’ chiaro che la crisi è stata aperta perché manca un assessore in quota Pd (mentre le altre due, Alberghini e Zambello, non sono riconosciute dalla maggioranza del partito, pur essendo iscritte ndr). Era chiaro ed è ancora chiaro che il Pd chiede un cambio di passo in giunta. Il sindaco invece prima dichiara che decide lui i tempi e i modi del rimpasto, poi mette in campo l’immobilismo del Pd. Sappia, Gaffeo, che il Pd non fa la questua, il Pd è un partito di maggioranza e che lo sostiene, ma non fa la questua, non si mette in ginocchio davanti al sindaco a chiedere un posto. Siccome ha detto che i tempi li decide lui, in realtà stiamo aspettando lui”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette