18/09/2021

POLESELLA

“Valli e nebbie”, motori d'epoca in Polesine

Tappa a Polesella per la manifestazione di auto d'epoca dell'Officina Ferrarese

“Valli e nebbie”, motori d'epoca in Polesine

13/09/2021 - 11:15

POLESELLA - La tradizionale manifestazione “Valli e nebbie” ha fatto tappa, sabato mattina scorso, a Polesella, suscitando l’entusiasmo del pubblico presente. Le auto storiche, più di quaranta, sono sfilate scendendo dal ponte sul Po, per Piazza Matteotti e, davanti al municipio, hanno ricevuto il saluto e l’augurio da parte del sindaco Leonardo Raito, del vice Consuelo Pavani, dell’assessore Silvia Vignaroli e della consigliera Sabrina Gentile.

Il sindaco, nel salutare gli equipaggi, ha donato loro un libro e una medaglia commemorativa, riscontrando molti ringraziamenti per l’ospitalità. Le auto poi in Piazza Matteotti hanno effettuato una breve prova di precisione per poi ripartire alla volta di Adria, dove dovevano raggiungere l’autodromo e, poi, l’isola di Albarella. Il presidente dell’Officina Ferrarese, patron dell’iniziativa, Riccardo Zavatti, giunto a bordo di un’auto dell’organizzazione, ha voluto omaggiare il sindaco con una targa che attesta la disponibilità e la collaborazione del primo cittadino alla bella manifestazione. Un grazie che Raito ha voluto condividere con la comunità intera: “Aspettavamo la Valli e nebbie da oltre un anno, e la ripresa in questa bella giornata è stata bella e affascinante. Il riconoscimento ricevuto va a merito di tutta la comunità, della gente che in ordine e nel rispetto delle norme ha seguito le auto, della polizia locale e dei volontari dell’Anc che hanno garantito a sicurezza, delle attività e dei cittadini che hanno supportato i disagi del cambio viabilità. La manifestazione è stata spettacolare come sapevamo, con auto storiche bellissime ed equipaggi che hanno ricambiato l’ospitalità di Polesella”.

Gli equipaggi delle auto arrivavano da mezza Italia, con una coppia proveniente direttamente dalla Sardegna. L’eleganza delle Bugatti, delle vecchie Alfa Romeo, delle Lancia, Mercedes e delle altre auto che attraversavano Piazza Matteotti ha scatenato i ricordi. Tra gli organizzatori, un signore ferrarese ha voluto ricordare al sindaco quanto affetto portasse per la Polesella che, negli anni sessanta, raggiungeva a bordo di una delle prime 500 che gli prestava il cugino: “Un paese che mi è rimasto nel cuore e che mi emoziona rivedere oggi”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette