17/09/2021

SPORT E GIOVANI

Skate, graffiti e bici contro il disagio giovanile

Comune e Uisp promuovono momenti di aggregazione per i ragazzi

09/09/2021 - 22:41

ROVIGO - Condividere dei percorsi di benessere creativo per sostenere i ragazzi nella loro crescita, aiutandoli anche ad uscire da uno stile di vita ormai troppo sedentario. E' l'obiettivo di “Maddalena Rebirth”, l'evento promosso dalla Uisp di Rovigo in collaborazione con il Comune, nell'ambito delle iniziative del Tavolo degli adolescenti a rischio. L'iniziativa, è stata presentata oggi a palazzo Nodari e si terrà l'11 settembre dalle 16 alle 21 al parco Maddalena.

 
Protagonisti  saranno skate, bmx e graffiti. “Maddalena Rebirth – ha detto l'assessore alle Politiche giovanili Erika Alberghini -, apre una serie di eventi   promossi con le associazioni sportive, sociali e culturali, rivolte ai giovani, per fargli vivere il territorio in maniera costruttiva, lasciando che ne prendano possesso e lo trasformino. Gli skateristi di Rovigo avranno la possibilità di esibirsi all'interno della pista da skateboard del Maddalena. E' la prima occasione nata come proposta dal Tavolo dei giovani a rischio che vede la partecipazione anche dell'assessorato al Welfare con l'assessore Mirella Zambello e anche su richiesta delle Forze dell'ordine, per agire nel trovare soluzioni anche ad alcune situazioni di degrado sociale. Gli sport di strada, cosiddetti destrutturati, possono avere un importante ruolo in questo senso e l'evento di sabato si colloca in questo contesto, inoltre, per la sistemazione della pista del Maddalena abbiamo recuperato 50 mila euro di fondi ”.

L’idea nasce, come hanno spiegato Cinzia Sivier e Massimo Gasparetto presidente e vice presidente di Uisp Rovigo,  dall'osservazione dell'aggravarsi di alcune priorità sociali di questa che potremmo definire una "generazione digitale e seduta", che socializza sempre di più attraverso internet, che ha assunto dal mondo degli adulti modelli di comportamento sedentari e che abbandona lo sport tradizionale. Uno stile di vita sedentario e "sepolto in internet" incide non solo sulla salute  ma anche sullo sviluppo cognitivo e psicosociale, con conseguenze sull'autostima dei ragazzi, sulla loro capacità di socializzare, riducendone le occasioni, sulle motivazioni ad essere attivi e propositivi, e aumenta il rischio di emarginazione.

E

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette