17/09/2021

Elezioni comunali

Venti candidati per otto municipi polesani

Sono 90 i posti da consigliere comunale disponibili, 222 i candidati

Venti candidati per otto municipi polesani

05/09/2021 - 14:59

ROVIGO - Venti aspiranti sindaci per otto fasce tricolore; 222 candidati consiglieri per appena 90 poltrone a disposizione. E 28.475 cittadini che, tra meno di un mese, domenica 3 e lunedì 4 ottobre, saranno chiamati al voto. A loro, si aggiungono i 14.816 abitanti della vicina Cavarzere (tre candidati sindaco) e i 49.735 di Chioggia (sei candidati sindaco, 11 liste complessive).

La commissione elettorale circondariale, nel tardo pomeriggio di ieri, ha approvato tutte le liste presentate: nessuna contestazione né irregolarità rilevata. E così, dalle 18, si è proceduti al sorteggio dell’ordine con cui le liste compariranno sulle schede, che è lo stesso ordine in cui ve li proponiamo in queste pagine. E adesso, la corsa elettorale è iniziata. Coinvolti, nella nostra provincia, otto Comuni, tutti con meno di 15mila abitanti. Pertanto, niente coalizioni né alleanze tra liste diverse: ogni candidato sindaco avrà una sola lista a sostegno, e vincerà chi prenderà un solo voto più degli avversari, escludendo dunque la possibilità di ballottaggio (che esiste, invece, a Chioggia).

Di sicuro c’è che cinque Comuni volteranno pagina: a Canaro, Fiesso, San Martino, Ceregnano e Rosolina il sindaco uscente non si ripresenterà. In tre casi, per obbligo di legge, dato che Vinicio Piasentini, Ivan Dall’Ara e Franco Vitale hanno raggiunto il limite dei due mandati consecutivi; negli altri due per scelta personale: a Fiesso, il sindaco dimissionario Sonia Bianchini ha spiegato in una lunga lettera le motivazioni che l’hanno portata a non ripresentarsi; a Canaro Nicola Garbellini ha preferito non correre nuovamente, dopo 10 anni alla guida del paese.

Proverà il terzo mandato, invece, Fabiano Pigaiani sindaco di Ficarolo; mentre il suo vicino di casa, ovvero Enrico Ferrarese di Stienta, insegue il secondo mandato... e mezzo: promosso sindaco da vice, in seguito all’elezione in regione di Cristiano Corazzari nel 2015, ha guidato il Comune verso le nuove elezioni vincendole, cinque anni fa. Insegue il secondo mandato, infine, Claudio Gabrielli, attuale sindaco di Villamarzana.

Dal punto di vista politico, centrodestra e centrosinistra partono dal 4-4, ma attenzione: fare una netta separazione tra blocchi, con in campo soltanto simboli civici, è tutt’altro che facile e lo dimostra la lista messa su, a Ceregnano, dal presidente della Provincia Dall’Ara, esponente di Forza Italia, e che ingloba anche esponenti del Pd che, in questi cinque anni, erano seduti all’opposizione... dello stesso Dall’Ara! In ogni caso si può sicuramente direi che Fiesso, Ceregnano, Ficarolo e Stientasono fin qui state amministrate dal centrodestra; mentre Canaro, San Martino e Villamarzana erano governate dal centrosinistra, così come Rosolina dove però le componenti erano più sfumate e l’identificazione più difficile.

Tra le curiosità di questo turno elettorale, anche la presenza di quattro ex sindaci, che provano nuovamente la corsa verso la poltrona più alta del loro paese. A Fiesso, in particolare, ce ne sono schierati ben due: Luigia Modonesi, che ha guidato il paese dal 2009 al 2019 restando poi in giunta nel breve mandato della Bianchini, e Giulio Cesare Rossatti, sindaco dal 199 al 2009 e già consigliere prima e assessore poi dal 1975 al 1988. A Stienta torna in scena Paolo Forti, già sindaco dal 1995 al 2009. A Villamarzana ancora in pista Fausto Previato, sempre eletto in consiglio dal 1990 ad oggi e sindaco dal 1992 al 2004.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette