18/09/2021

CGIL ROVIGO

“Un'inefficienza chiara e precisa, sono allibito”

Con queste parole Davide Benazzo, della Cgil, commenta il mancato avvio del servizio dell'asilo nido comunale Bramante

01/09/2021 - 19:24

ROVIGO - “Un'inefficienza chiara e precisa, sono allibito”. È con queste parole che Davide Benazzo, della Cgil Rovigo, commenta il mancato avvio del servizio dell'asilo nido comunale Bramante. Questa mattina doveva essere il primo giorno di apertura del complesso che però, di fatto, non ha aperto i battenti previa una comunicazione arrivata solamente nella serata precedente; asilo chiuso e mancato passaggio dei lavoratori che chiedono solo di poter lavorare con le tutele previste.

Ma come si è arrivati a tutto questo grande pasticcio? Al ritardo, pesante, dell’assegnazione del bando come conferma lo stesso Davide Benazzo: ”L'appalto è stato assegnato solamente sei giorni prima del 1 settembre ad una cooperativa sociale di Padova, unico partecipante alla gara, e già questo è un segnale che non ci faceva stare tranquilli. Infatti, in data 31 agosto, il giorno prima della prevista apertura, la cooperativa ha formalizzato la rinuncia all’appalto. Ecco come siamo arrivati alla mancata apertura dell’asilo nido”.

In rappresentanza dei genitori, una mamma ha sottolineato: ”Una situazione di ritardo nell'apertura imputabile solo ed esclusivamente alla struttura comunale di Rovigo. Dopo la riunione del giorno 26 agosto ai genitori si confermava l'apertura del 1 settembre, mentre adesso ci si ritrova con l'asilo chiuso. Da parte del Comune bastava un’ammissione di inefficienza, invece la mail con la quale veniva comunicato il mancato avvio del servizio ci è arrivata alle 8 di sera del giorno prima. È assurdo”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette