17/09/2021

Cultura

Tre monologhisti polesani in lizza per l'"Oscar" della Fita

Durante l'ultimo appuntamento della kermesse saranno assegnati i premi.

Sfida finale a colpi di monologhi

29/08/2021 - 18:13

ROVIGO - Venerdì il gran finale di Pillole di teatro. Scelti i tredici finalisti della prima edizione del Festival regionale del monologo “Pillole di Teatro”, promosso dalla Federazione Italiana teatro amatori (Fita) del Veneto. Saranno loro, risultati vincitori nelle cinque selezioni che hanno coinvolto quarantadue partecipanti, a sfidarsi alla finalissima di venerdì prossimo alle 21 in piazza Annonaria a Rovigo, con in palio anche un premio del pubblico e un posto tra i dieci concorrenti al Festival interregionale del monologo 2022, che si svolgerà in Umbria.

A contendersi la vittoria saranno, Martina Boschetti (Vicenza) con un brano da “7 minuti” di Stefano Massini; Marco Bottoni (Rovigo) in “Prima dell’amore” da “Polli d’allevamento” di Giorgio Gaber e Sandro Luporini; Brunella Burattin (Padova) con “Mademoiselle Lychantrope” da “Le Beatrici” di Stefano Benni; Mila Marangoni (Rovigo) in “Amore e morte” da “Serata Omicidio” di Giuseppe Sorgi; Pamela Occhipinti (Verona) in "Maledetta crisi di mezza età" di Michele Bernier e Marie Pascale Osterrieth; Barbara Olieri (Vicenza) in "Beatrice" da “Le Beatrici” di Stefano Benni; Arnaldo Pernigo (Verona) ne "La morta" di Guy De Maupassant; Roberto Pinato (Rovigo) con “Il professore” da “Giù al nord” di Antonio Albanese; Martina Angela Quaranta (Vicenza) con un passo de “Il gabbiano” di Anton Cechov; Monica Sichel (Padova) in “Acqua e sapone” di Aldo Nicolaj; Serena Tenaglia (Venezia) in “Femmine da morire” di Filippo Facca; Giovanni Vit (Verona) ne "La butina pitoca" da "Paese perduto" di Dino Coltro; e Maria Grazia Zampieron (Padova) in “Suor Filomena” da “Le Beatrici” di Stefano Benni.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette