18/09/2021

Scuola

Green pass, dirigenti scolastici preoccupati per i controlli

Secondo i presidi è impossibile che il personale possa verificare ogni ora le certificazioni verdi

Presidi: “Controllo Green Pass impossibile”

22/08/2021 - 14:31

ROVIGO - Il tema dell’utilizzo e del controllo del Green Pass a scuola resta ancora un tema caldissimo. “A distanza di soli dieci giorni dall’inizio del nuovo anno scolastico tocca registrare, con amarezza e preoccupazione, che non sono stati adottati interventi che potrebbero garantire la riapertura delle scuole in piena sicurezza e la sensazione è che si navighi al buio” afferma Paolino Marotta, presidente di Andis, Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici.

In una missiva inviata al premier Mario Draghi e al ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, i presidi chiedono al governo di adottare alcune misure urgenti da intraprendere prima dell’inizio delle attività. Tra queste, “disciplinare il caricamento dei dati relativi a vaccinazioni, immunizzazioni, esenzioni su piattaforma interistituzionale, da rendere accessibile alle segreterie scolastiche per il controllo del possesso della certificazione verde da parte del personale, alla stregua di quanto le scuole già fanno per il controllo delle vaccinazioni degli alunni”.

Ma anche così i problemi non sarebbero del tutto risolti, anzi. “Il controllo del green pass per tutte le ore di funzionamento è impraticabile: non si può immaginare che il personale delegato dal dirigente sia tutti i giorni agli ingressi e per diverse ore a controllare la certificazione di centinaia di docenti e Ata in coda per assumere servizio. Né si può pensare di gravare ulteriormente i Dirigenti Scolastici con problemi di privacy. Occorre estendere l'obbligo della certificazione verde al personale dei servizi educativi per l’infanzia e a tutto il personale delle imprese esterne che a vario titolo ha accesso ai locali scolastici; prorogare l'organico Covid per l’intero anno scolastico” si legge ancora nella missiva dei presidi. In ultimo, conclude la comunicazione “occorre un provvedimento straordinario e urgente che consenta l’assunzione di un dirigente scolastico per ciascuno dei posti attualmente vacanti e disponibili”.

Intanto, si continua a parlare anche di trasporti. “Le regole per bus e metro, pullman e treni locali sono quasi pronte: servono ancora alcuni affinamenti e la validazione del Cts, ma i punti cardine di come ci si muoverà in città al rientro dalle ferie e alla ripresa della scuola sono fissati. La capienza sarà dell’80 per cento su bus e treni sia in zona bianca sia in zona gialla, ci vorrà la mascherina chirurgica anche se è consigliata la Ffp2, potranno essere previsti orari di ingresso differenziati sia per le scuole sia per le aziende e gli uffici pubblici, sarà possibile introdurre gli scuolabus anche per gli studenti delle superiori” ha spiegato il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile Enrico Giovannini, in un’intervista al Corriere della Sera. “Ci saranno più organizzazione e più controlli, anche perché è da aprile che stiamo dialogando con Regioni e Comuni” ha detto ancora il ministro.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette