18/09/2021

REGIONE DEL VENETO

“E-inclusion: Vedo – Ascolto – Capisco” il progetto per chi ha difficoltà di comunicazione

Lanzarin: "Il nostro impegno a favore dell’inclusione di soggetti più fragili perché portatori di una diversa condizione di abilità"

"Troppe tasse, impossibile sistemare gli alloggi Ater"

13/08/2021 - 17:07

VENETO - La Giunta regionale, su proposta dell’assessore alla Sanità e ai Servizi sociali, Manuela Lanzarin, con specifica delibera ha approvato la costituzione dell’Associazione temporanea di scopo tra le aziende sanitarie, ospedaliere e lo IOV, prevista dalla legge per accedere al finanziamento del progetto “E-inclusion: Vedo – Ascolto – Capisco”. La validità del progetto, infatti, è stata riconosciuta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri con l’assegnazione, dopo partecipazione al bando, di 400.000 euro. “Il progetto presentato dal Veneto, ancora una volta, sottolinea l’impegno delle nostre strutture nell’ottica di favorire l’inclusione dei soggetti più fragili perché portatori di una diversa condizione di abilità – sottolinea l’assessore ai Servizi sociali del veneto -. Prendendo atto che tra queste persone ve ne sono con caratteristiche di disabilità che le pongono in situazioni di difficoltà nella comunicazione, il progetto si inserisce nel potenziamento, l’omogeneizzazione e la diffusione degli strumenti e dei metodi in grado di ridurla”.

“Nello specifico - prosegue l’assessore Lanzarin – il progetto è rivolto a favore dei cittadini che presentano limitazioni nell’udito, nella competenza verbale e nella piena capacità di comprensione della comunicazione interpersonale e istituzionale tradizionale. Prevede, quindi, di sostenere e diffondere le azioni e l’impiego di strumenti in grado di agevolare il dialogo sia con le professionalità di tutti i ruoli sia con le piattaforme istituzionali della rete dei servizi sanitari, socio sanitari e sociali erogati dalle strutture coinvolte”. Della somma complessiva del finanziamento, 380.000 euro saranno ripartiti tra i partner mentre 20.000 andranno alla Regione per il coordinamento e l’amministrazione del progetto. Nel dettaglio riceveranno: 31.750 euro le Ulss 1 Dolomiti e 4 Veneto Orientale; 31.650 le rimanenti Ulss, le aziende ospedaliere di Padova e Verona, l’Istituto Oncologico Veneto.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette