29/09/2021

Ulss 5

Zanzare positive al West Nile, massima allerta

Le zanzare sono state catturate tramite le apposite trappole dislocate in aree rurali e urbane della provincia dall’Istituto Zooprofilattico

Dal sindaco, appello ai cittadini per combattere le zanzare

06/08/2021 - 21:45

ROVIGO - L’Azienda Ulss 5 informa che, in questi giorni, è giunta dalla Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria della Regione del Veneto la comunicazione della presenza di Virus West Nile, in un pool di zanzare (Culex pipiens) catturate lo scorso 29 luglio 2021 nel territorio provinciale. Le zanzare sono state catturate tramite le apposite trappole dislocate in aree rurali e urbane della provincia dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie.
L'azienda ulss5 sta continuando, in sinergia con i comuni, l’attività di disinfestazione delle larve di zanzara nelle caditoie , nei fossati e in altri ristagni delle aree pubbliche del nostro territori, secondo il calendario inviato a tutti i Comuni.  Si precisa, infine, che sono attualmente in corso il 4° ciclo larvicida dei 6 cicli di trattamento previsti per le caditoie e l’8° ciclo larvicida dei 12 cicli di trattamento previsti per i fossati.

L’Azienda Ulss 5 polesana ha invitato tutti i comuni della provincia, attraverso una nota del Dipartimento di Prevenzione, ad avvisare e informare la popolazione sui potenziali rischi di infezione da west Nile virus con l’indicazione di misure igieniche ambientali. Inoltre, l’Azienda Ulss 5, ha inviato a tutte le municipalità materiale informativo dedicato affinché le persone adottino le misure più idonee a ridurre il rischio di contatto uomo-zanzara e collaborino attivamente, adottando i seguenti virtuosi comportamenti, da tenere quotidianamente:  
- Mettere al riparo dalla pioggia tutto ciò che può raccogliere acqua;
- Usare i repellenti cutanei seguendo le indicazioni riportate sulle confezioni sia in casa che all’aperto;
- Controllare periodicamente giardini e spazi verdi dove possono crearsi spontaneamente nuove raccolte d’acqua.
Come è ormai noto alcune specie di zanzare possono trasmettere malattie infettive, in particolare la zanzara tigre e la zanzara comune (Aedes albopictus) e la zanzara comune (culex pipiens).

La malattia da West Nile o Febbre del Nilo Occidentale, dal punto di vista epidemiologico, è la più importante malattia virale trasmessa da zanzare in Italia. Il virus viene trasmesso a uomini e animali, per mezzo della puntura di zanzara del genere Culex, che colpisce soprattutto gli uccelli selvatici (per lo più passeriformi e corvidi), attraverso i quali il virus può circolare e mantenersi nell’ambiente. La strategia vincente è controllare la proliferazione delle larve di zanzara .

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette