18/09/2021

Vademecum

Green Pass obbligatorio da venerdì, ecco dove

Valido anche per le sagre. Senza vaccino, test obbligatorio ma non per i piccoli fino a 12 anni

Green Pass obbligatorio da venerdì, ecco dove

03/08/2021 - 21:20

Entrerà in vigore venerdì l’obbligo di certificazione verde. Ecco, dunque, a cosa servirà, come funziona e come ottenerla.

Chi può avere il certificato?

Chi ha fatto il vaccino, anche solo la prima dose, da almeno 15 giorni; chi ha un tampone negativo fatto nelle ultime 48 ore; chi è guarito dal Covid da almeno sei mesi.

Come si ottiene la certificazione?

Regioni, Province autonome, medici di base, laboratori di analisi e farmacie trasmettono le informazioni relative a vaccinazioni, test e guarigioni al livello centrale. Una volta raccolte le informazioni, la piattaforma nazionale del ministero della salute rilascia la certificazione. Le tempistiche per la trasmissione dei dati, e la conseguente generazione della certificazione possono variare in base al tipo di prestazione sanitaria.

Quanto costa?

E’ gratuito. Non occorre pagare nulla per scaricarla o visualizzarla o stamparla. Nessun costo viene richiesto con la notifica, che si può ricevere solo via e-mail o per sms dal ministero della Salute.

Quanto dura?

Per i vaccinati, nove mesi dalla somministrazione. Col tampone: 48 ore. Per chi guarisce da Covid, sei mesi dalla data di guarigione.

A cosa serve?

Ad oggi, per partecipare alle feste per cerimonie civili e religiose, accedere a residenze sanitarie assistenziali o altre strutture, spostarsi in entrata e in uscita da territori classificati in zona rossa o zona arancione (al momento nessuno).

E dal 6 agosto?

La Certificazione verde si applica a tutte le attività e i servizi autorizzati in base al livello di rischio della zona. E’ richiesta in zona bianca ma anche nelle zone gialla, arancione e rossa, dove i servizi e le attività siano consentiti. Regioni e Province autonome possono prevedere altri utilizzi della Certificazione verde.

Come funziona per bar e ristoranti?

Il Green pass è obbligatorio per accedere ai servizi di ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per il consumo al tavolo, al chiuso. Si potrà invece consumare al bancone, nei bar.

E per il mondo della cultura?

Obbligatorio per entrare agli spettacoli aperti al pubblico, musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre. Sarà obbligatorio anche per entrare centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, compresi i centri estivi, e le relative attività di ristorazione.

E lo sport?

Certificato obbligatorio per assistere ad eventi e competizioni. Ma obbligatorio anche per entrare in piscine, centri natatori, palestre, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso. Indispensabile per praticare sport di squadra.

Sagre, eventi e tempo libero?

Certificato obbligatorio per sagre e fiere, convegni e congressi. Ma è obbligatorio anche per entrare nei centri termali, ai parchi tematici e di divertimento; attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò.

Senza Green pass si può sostenere un concorso pubblico?

No, è obbligatorio per poter partecipare alle prove.

E per i bambini?

Il certificano non è richiesto ai bambini esclusi per età dalla campagna vaccinale e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica. Per queste persone verrà creata una certificazione digitale dedicata.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette