18/09/2021

Finanza

Rischio usura, in Polesine in sei mesi 248 casi

Segnalazioni di operazioni con pericolo riciclaggio: netto aumento dopo la crisi pandemica.

Rischio usura, in Polesine in sei mesi 248 casi

01/08/2021 - 17:42

ROVIGO - In sei mesi già 248 segnalazioni di operazioni sospette con rischio riciclaggio di denaro. Cresce la stretta del credito per imprese e famiglie, e aumenta anche il pericolo riciclaggio come dimostra uno studio realizzato da Confapi Padova cge evidenzia come in Veneto la pandemia ha affossato la disponibilità finanziaria di molte aziende, spingendole in molti casi nelle braccia non del credito bancario, ma di usura e riciclaggio di denaro.

Un pericolo che per il Polesine si è concretizzato, nel solo primo semestre del 2021, in 248 segnalazioni di operazioni sospette alla Uif (Unità di informazione finanziaria). Nel 2020 furono 392, 207 nel primo semestre e 185 nei secondi sei mesi dell’anno. Il trend, quindi appare in crescita. E lo è in quasi tutto il Veneto, con già 4.990 segnalazioni, contro le 4.272 dello stesso periodo di un anno prima (8.374 in tutto il 2020).

I vertici di Confapi spiegano che c’è una possibile correlazione fra l’andamento delle segnalazioni di operazioni sospette di riciclaggio nel territorio e quello dei prestiti bancari a imprese e famiglie. Emerge dal confronto fatto da Fabbrica Padova, centro studi di Confapi, tra i dati messi a disposizione dalla Banca d’Italia.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette