18/09/2021

REGIONE DEL VENETO

Lotta al caporalato, è partito il progetto Navigare

Controlli nel primo semestre su dieci aziende considerate a rischio

Lotta al caporalato, è partito il progetto Navigare

28/07/2021 - 11:04

VENEZIA - La Regione del Veneto sin dal 2016 è stata coinvolta attivamente nel progetto N.a.ve (Network Antitratta per il Veneto), le cui priorità strategiche riguardano, tra l’altro, il contrasto al fenomeno del grave sfruttamento lavorativo e del caporalato. A partire dall'1 luglio, il progetto ha acquisito un’importante valenza in quanto la Regione del Veneto è divenuta capofila del progetto, il quale ha assunto la denominazione Navigare (Network Antitratta per il Veneto Intersezioni Governance Azioni Regionali).

Le azioni di prevenzione e contrasto dei gravi fenomeni di sfruttamento in ambito lavorativo sono implementate grazie ad una fitta rete di partner multi-agenzia, afferenti alle istituzioni pubbliche (Ispettorati Territoriali del Lavoro, Inps, Inail, Forze dell’ordine, Procure, Tribunali) e del privato sociale; le evoluzioni del fenomeno, in continuo mutamento anche a causa dell’emergenza pandemica, sono oggetto di profusa attenzione da parte del network impegnato nel progetto su tutto il territorio regionale. Nel corso del primo semestre 2021 le unità di contatto del Veneto hanno effettuato interventi di accesso nei contesti lavorativi in multiagenzia con le forze dell’ordine e gli organi di vigilanza in 10 aziende, 2 nel territorio di Vicenza e provincia, 6 nel territorio di Padova e provincia, 1 nel territorio di Venezia e provincia e 1 nella provincia di Verona. Sono state contattate 48 persone diverse provenienti da Cina, Pakistan, India, Marocco, Gambia, Senegal, Mali, Costa d’Avorio, Sierra Leone, Gambia, Nigeria e Ghana.

Le attività produttive dove sono emerse persone potenziali vittime di caporalato e grave sfruttamento sono l’agricoltura (attraverso il meccanismo dell’intermediazione illecita fornita dalle cosiddette “cooperative senza terra), il tessile manifatturiero (dove sono coinvolti principalmente lavoratori asiatici provenienti da Cina, Bangladesh e Pakistan), il volantinaggio, l’edilizia e la logistica agroalimentare.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette