03/08/2021

IL CASO

Lavoratrice priva di sensi per il caldo nel fast food

Da qualche tempo i dipendenti della nota catena lamentavano la situazione di afa insopportabile all’interno delle cucine

Troppo caldo nella cucina del fast food: cameriera si accascia davanti ai clienti

06/07/2021 - 23:37

ROVIGO - I clienti del fast food di Rovigo hanno assistito inorriditi alla scena: una dipendente, di appena 28 anni, priva di sensi per il gran caldo e l’arrivo dell’ambulanza sul luogo del lavoro.

E’ successo una decina di giorni fa, nelle cucine del fast food in Area 13, dove le temperature erano altissime, a causa della rottura dell’impianto di climatizzazione. Da qualche tempo i dipendenti della nota catena lamentavano la situazione di afa insopportabile all’interno delle cucine. Hot dog, grigliate e fritture erano una tortura per i giovani lavoratori, che dovevano sopportare sia il caldo esterno, che quello amplificato da forni, fuochi e fumi. In orari di lavoro spesso prolungati per una carenza di organico.

Nonostante la segnalazione da parte dei lavoratori, nessun provvedimento tempestivo dell’azienda, finché intorno al 23 giugno, succede l’infortunio. Una ragazza di appena 28 anni, al pieno, dunque, delle sue forze ed energie, si accascia a terra per il caldo, si sente male.

Viene trasportata fuori a braccetto dai colleghi, grazie al fatto che dentro la sala c’è un’infermiera tra i clienti allibiti e suggerisce di portarla all’aria aperta. La ragazza sembra riprendersi, inizialmente, ma poi si accascia nuovamente non si regge in piedi. All’esterno la sistemano a terra, mentre chiamano il soccorso del 118. L’ambulanza arriva e i medici le fanno subito una flebo, sul posto per reidratarla e per ristabilire l’equilibrio dei sali minerali. Poi viene trasferita in ospedale per gli accertamenti.

Fortunatamente la giovane si è ripresa subito, ma al lavoro (lo aveva già deciso) non ci è più tornata. All’interno delle cucine del fast food solo pinguini provvisori e il climatizzatore che non andava da giorni. I giorni più caldi.

Dopo questo incidente, è stato contattato anche il sindacato. E’ intervenuta la Cgil che ha scritto all’azienda per sollevare un problema di sicurezza e salute sul luogo di lavoro. E con la salute non si può scherzare, nemmeno se hai a che fare con ventenni che farebbero di tutto pur di rimanere nel mercato del lavoro.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette