20/06/2021

PORTO TOLLE

"Mi spendo" il progetto estivo per gli adolescenti

Il progetto pensato per far uscire i ragazzi e per coinvolgerli con i loro coetanei

Animazione per tornare a vivere

PORTO TOLLE - Quest’anno la cooperativa Goccia e l’amministrazione comunale hanno pensato, per l’animazione, a un progetto che riguarda gli adolescenti. Cioè i ragazzi dai 14 ai 20 anni. A parlarne, in sala consiliare, la vicesindaco Silvana Mantovani e la presidente di Goccia Martina Boscolo. Presenti anche l’assessore Federico Vendemmiati e la consigliera Giorgia Marchesini. “C’è la fascia di età che va dai 14 ai 20 anni che è particolare – dice la vicesindaco - Per loro è stato pensato un progetto che si chiama ‘Mi spendo’ nel quale si possono cimentare in tre settori, ambientale, sociale, e nel decoro urbano. Si possono quindi mettere a disposizione in questi tre ambiti e alla fine viene dato loro un riconoscimento cioè una ‘carta di servizi’ di 50 euro, cioè buoni di 10 euro l’uno”.

Boscolo ha precisato che il progetto è stato pensato per fare uscire i ragazzi e per coinvolgerli con i loro coetanei. Precisamente si chiama “Mi spendo, it 4 young” e l’idea è di portare gli adolescenti fuori dalle mura domestiche dopo il lockdown. “Inizia il 28 giugno e termina il 30 luglio – aggiunge - Verranno formati dei gruppi di sei ragazzi ciascuno dove vengono sperimentati i tre filoni, società, ambiente, decoro urbano. Con i buoni che riceveranno come premio potranno andare dal parrucchiere, comprare vestiti”. La pubblicità di questa iniziativa viene fatta sui social. Viene richiesto di iscriversi con un modulo e di fare un corso di formazione di sicurezza sul lavoro. Le iscrizioni si possono fare alla cooperativa Goccia. La vice sindaco, in questa occasione ha ringraziato gli assessori Federico Vendemmiati e Tania Bertaggia, la consigliera Giorgia Marchesini, gli uffici comunali e la polizia locale.

Accanto a questa iniziativa, viene confermata anche la “tradizionale” animazione estiva dai 3 ai 14 anni. “Anche quest’anno Goccia - conferma la vicesindaco - ci ha presentato un progetto interessante. Riguarda i bambini dai 3 anni ai 14 anni e l’animazione viene fatta negli edifici scolastici e in quelli sportivi. La nostra idea è di valorizzare al massimo questo periodo di animazione affinché i bambini possano uscire e stare insieme ai propri coetanei. Noi come amministrazione mettiamo a disposizione 50 euro a famiglia, per un mese, così la tariffa viene ridotta. L’unica realtà scolastica che non fa un mese è Boccasette, perché hanno già programmate due settimane di Grest. Per noi è importante che i bambini delle scuole frequentino l’animazione estiva, perché da più di un anno sono stati costretti a vivere distanziati per la pandemia”. L’animazione è partita il 7 giugno e dovrebbe arrivare a fine agosto. Le attività vengono fatte a Scardovari fino a luglio; a Ca’ Tiepolo e Donzella fino alla fine di agosto. “Per un giorno si paga 10 euro; per una settimana 40 euro; per un mese il totale è 140 euro, ma alle famiglie vengono dati i 50 euro dall’amministrazione comunale per cui l’importo viene ridotto a 90 euro”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette