19/10/2021

ULSS 5 POLESANA

Oncologia trasloca al quarto piano dell'ospedale

I reparti di oncologia e il day hospital oncologico verranno realizzati in un unico modulo al quarto piano

Una nuova e moderna oncologia nell'ospedale di Rovigo

14/05/2021 - 15:45

ROVIGO - Per consentire l’inizio dei lavori di completa ristrutturazione dell’unità operativa complessa di oncologia,  in questi giorni ha preso inizio il trasloco di una parte dei servizi ambulatoriali specialistici al quarto piano dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Rovigo. 

L’Ulss 5, scusandosi per eventuali disagi legati alle operazioni di trasloco, informa che i lavori per la prossima ristrutturazione completa della divisione di oncologia, inizieranno il prossimo 14 giugno e si concluderanno entro 180 giorni.

Un intervento profondo, del valore di 1,8 milioni di euro: i reparti di oncologia e di day hospital oncologico, che a tutt’oggi sono ospitati in aree distinte, verranno, invece, realizzati in un unico modulo al quarto piano.

L’area oggetto dell’intervento, interessa una superficie di 1.350 metri quadrati: vi troveranno spazio 10 posti letto di degenza e 20 poltrone di day hospital, insieme ad un ulteriore spazio per le attività ambulatoriali.

“Desidero sottolineare che questa ristrutturazione completa, di una Unità operativa così importante  e delicata per la patologia che viene curata , viene condotta con le  più moderne  soluzioni tecnologiche, di distribuzione di spazi, arredi e scelte funzionali. Inoltre, saranno particolarmente curati gli aspetti di comfort, accoglienza, sicurezza e privacy dei pazienti e dei loro familiari, secondo criteri innovativi che garantiranno percorsi di cura personalizzati ed efficienti. Un primo passo verso la ripresa, e l’inizio della programmazione di interventi qualificanti che coinvolgeranno i tre ospedali aziendali  e le strutture  territoriali”, spiega il  direttore generale  dell’Ulss 5 Patrizia Simionato .

L’unità operativa complessa di oncologia, nel 2020, ha accolto ben 1.050 nuovi pazienti:  circa il 20% più dell’anno precedente, garantendo cure e attenzione ad ognuno, anche in tempi di pandemia da Covid-19.  Inoltre, sono più di 700 i pazienti trattati con farmaci antitumorali, di cui 430 con terapie endovena e 320 con terapie orali.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0


Notizie più lette