20/10/2021

25 aprile

Cerimonia in forma ridotta per il 76esimo anniversario della Liberazione

Manifestazioni in piazza Vittorio Emanuele con l’arrivo, alle 9.30 delle autorità

Cerimonia in forma ridotta per il 76esimo anniversario della Liberazione

Foto d'archivio

23/04/2021 - 16:04

ROVIGO - Sarà una festa della Liberazione con le restrizioni da Covid. Domani si celebrerà il 76esimo anniversario della Liberazione. Anche Rovigo una cerimonia in forma ridotta, in rispetto alle vigenti normative anti Covid. E Piazza Merlin illuminata con luci tricolore.

Manifestazioni in piazza Vittorio Emanuele con l’arrivo, alle 9.30 delle autorità. Alle 9.35 l’alzabandiera a seguire il corteo si porterà verso il palazzo della Gran Guardia per la deposizione delle corone e resa degli onori ai caduti; successivamente ci si sposterà verso il cippo commemorativo in piazza Matteotti. In seguito il corteo si recheranno a Villamarzana dove, a partire dalle 10.30, cerimonia in piazzale Martiri con deposizione della corona davanti all’altare; quindi l’inaugurazione della Casetta museo del monumento dei 43 Martiri. Nel pomeriggio, alle 17.30, avrà luogo l’ammainabandiera a cura del personale Interforze.

In occasione del 25 aprile sarà illuminata col tricolore la fontana di piazza Merlin. Questa iniziativa con il sostegno e supporto dell’amministrazione Comunale è promossa dalla Cna di Rovigo e rientra nella finalità generale di richiamare, in corrispondenza di speciali ricorrenze, l’attenzione della cittadinanza. L’idea, come spiegano gli organizzatori, è nata da alcune imprese aderenti al distretto della giostra, in particolare dalla ditta Lights & co. di Bergantino che ha realizzato l’impianto di illuminazione al Led della fontana. La Cna, il distretto della giostra e il Comune di Rovigo intendono celebrare ed onorare l’anniversario della liberazione d’Italia.

E in occasione del 25 aprile la Cgil di Rovigo “la Cgil di Rovigo celebra i valori di antifascismo, democrazia, libertà e pace che sono il fondamento della Costituzione Italiana, e ricorda i tanti uomini e donne che con il loro sacrificio durante la lotta di Resistenza hanno permesso a tutti noi di vivere oggi in democrazia e hanno dato vita alla nostra Repubblica”. “Principi - aggiunge il segretario Cgil Piero Colombo - su cui si fonda lo Statuto della Cgil. Anche quest’anno le misure anticovid, necessarie per contrastare la pandemia in atto, non permetteranno di organizzare manifestazioni di piazza, ci saranno comunque le celebrazioni ufficiali delle autorità nei vari comuni e le diverse iniziative organizzate dall'Anpi alle quali partecipa anche la Cgil, come “Strade di Liberazione”, che vedrà le cittadine e cittadini recarsi individualmente sotto le targhe delle vie e delle piazze del proprio comune intitolate ad antifascisti e partigiani per deporre un fiore rosso, per poi postare la foto sui social. Un modo originale per celebrare il 25 aprile che deve sempre essere”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:



Notizie più lette