11/04/2021

GRANZETTE CALCIO A CINQUE

La salvezza si gioca al foto finish per il Granzette che manca l’obiettivo perdendo 2-0 contro il Città di Capena

Occasione mancata per le ragazze di Coach Bassi che allo scontro diretto contro le leprotte non riescono a portare a casa il risultato

La salvezza si gioca al foto finish per il Granzette che manca l’obiettivo perdendo 2-0 contro il Città di Capena

ROVIGO - Nella XVII gara di campionato di calcio a 5 femminile di Serie A il Granzette ospita il Città di Capena e nonostante le molte occasioni create nel primo tempo non riesce a concretizzare lasciando così alle ospiti 3 punti fondamentali in chiave salvezza.

Occasione mancata per le ragazze di Coach Chiara Bassi che allo scontro diretto contro le leprotte non riescono a trovare la finalizzazione fortunata per portare a casa il risultato.

Il Granzette schiera in campo: Grandi in porta, Iturriaga, Longato, Dos Santos e Da Rocha; per il Città di Capena invece: Castagnaro tra i pali, Martin, Neka, Fuhrmann e Benvenuto.

Il primo tempo si apre con il Granzette che sconfina nella metà campo avversaria, dopo pochi secondi Iturriaga prova il tiro dalla distanza dalla sinistra ma il portiere del Capena, Castagnaro, mette in calcio d’angolo con i pugni. Ci riprovano nuovamente le padrone di casa con Troiano che defilata sulla sinistra mette in mezzo per Pereira, tiro respinto ma arriva dalle retrovie Da Rocha che colpisce ma finisce alta sopra la traversa.

Le bianco-rosse rispondono con Castagnaro che lancia per Benevenuto, tiro di prima ma ci pensa tempestivamente Grandi a neutralizzare l’attacco.

Il Granzette continua a produrre occasioni pericolose con Longato che recupera palla e serve centrale per Troiano, tiro che cerca l’angolino destro ma Castagnaro in spaccata rimette in campo, arriva di corsa Pereira ma la pala termina fuori di poco. È il turno di Da Rocha che serve Troiano sulla sinistra, tentativo di finalizzazione deviato in corner da Castagnaro.

Al 15’ imbucata di Bea Martin che pericolosamente mira la porta ma Grandi ancora una volta interviene efficacemente, ci prova anche Fuhrmann nella stessa azione ma di nuovo l’estremo difensore del Granzette mantiene la porta inviolata.

Sul finire del primo tempo, Longato recupera palla nella propria metà campo e parte in volata solitaria, prova il tiro al limite dell’area ma Castagnaro guardinga non si fa sorprendere e devia lateralmente. Si va a riposo sullo 0-0 senza aver sbloccato il risultato.

Nella seconda frazione di gioco il Città di Capena scende in campo più aggressivo e al 2’ c’è il tiro di Neka ma Grandi è appostata sul primo palo e blocca l’incursione.

Il Granzette reagisce con Dos Santos che, sulla fascia destra, parte in velocità, prova la finalizzazione ma sempre la solita Castagnaro devia in calcio d’angolo.

Il Capena cresce e da rimessa laterale Neka calcia dalla distanza in porta ma l’estremo difensore nero-arancio sventa con sicurezza.

Il gol dello sblocco arriva alla metà del tempo per le ospiti: Neka scatta sulla fascia sinistra, si smarca, tira sul primo palo e infila alle spalle del portiere avversario la prima rete del match, 0-1.

La ragazze di Mister Bassi non si danno per vinte e replicano con Da Rocha che, spalle alla porta, riceve palla, si gira ma ancora una volta viene murata dall’estremo difensore del Città di Capena.

Pochi minuti dopo ancora Da Rocha tiene palla e smista per l’accorrente Pereira che, dalla destra, mira la porta ma c’è nuovamente l’intervento efficace di Castagnaro.

Il Capena cerca il bis e Neka centrale serve Bea Martin sul secondo palo ma Grandi ancora una volta chiude bene.

Ad una manciata di minuti dal termine le padrone di casa provano il portiere di movimento con Iturriaga ma, al 19’, durante un giro palla Neka intercetta e calcia verso la porta, pallone che rotola in rete per il raddoppio del Capena: 0-2. Mancano pochi secondi al fischio finale e Iturriaga tenta l’ultima giocata ma senza fortuna, termina così la gara tra Granzette e Città di Capena.

Molto rammarico per la società nero-arancio come dimostra Mister Bassi: “Adesso è complicato salvarsi, non c’è niente di definitivo per ora e per fortuna abbiamo ancora un’altra partita da giocare ma abbiamo perso una buona occasione. È ovvio che mi dispiaccia, soprattutto per le mie atlete, per chi è sceso in campo e per chi non l’ha fatto, è innegabile che nel primo tempo abbiamo giocato praticamente nella loro metà campo anzi, per essere più precisi, nella loro area ma il Capena ha difeso bene e, inoltre, ha tra i pali un portiere di assoluta qualità come Bianca Castagnaro. Il Capena basa il proprio gioco sul rilancio lungo del portiere e così si sviluppano le azioni più pericolose. Noi stiamo migliorando di settimana in settimana ma a questo punto non basta, la partita di domenica ne è stato l’esempio lampante, dobbiamo fare ancora di più. Adesso però si va avanti, pensiamo alla grande occasione che avremo domenica prossima contro il Bisceglie per le qualificazioni di Coppa Italia, ce la metteremo tutta e lavoreremo durante la settimana per quello poi, dopo Pasqua, penseremo di nuovo al campionato e all’obiettivo della salvezza. Se poi il Cagliari riuscirà a fare 6 punti vorrà dire che sono stati più bravi di noi.”

Il Città di Capena aggiudicandosi questi tre punti è ora matematicamente salvo e sale a 16, segue il Granzette fermo a 10, poi Cagliari a 8 e infine Pelletterie a 7.

La prossima settimana il campionato si fermerà per dare spazio alle qualificazioni della Coppa dove il Granzette si sposterà in Puglia per affrontare il Bisceglie mentre il Cagliari incontrerà il Pelletterie domenica 28 marzo.

L’ultima giornata di campionato si disputerà, dopo Pasqua, l’11 aprile e il Granzette sarà nuovamente ospite del Bisceglie per cercare il riscatto e i tre punti che potrebbero valere la salvezza.

____________________________

GRANZETTE-CITTÀ DI CAPENA 0-2 (0-0 p.t.)

GRANZETTE: Grandi, Iturriaga, Longato, Dos Santos, Da Rocha, Sinigaglia, Costa, Andreasi, Zanetti, Troiano, Pereira, Famà. All. Bassi

CITTÀ DI CAPENA: Castagnaro, Martin, Neka, Fuhrmann, Benvenuto, Di Sabatino, Oliveira, Agnello, Masini, Macchiarella, Pacolini, D'Amelia. All. Chiesa

MARCATRICI: 10'49'' s.t. Neka (C), 19'26'' Neka (C)

AMMONITE: Agnello (C), Troiano (G), Longato (G), Martin (C), Neka (C)

ARBITRI: Francesco Sgueglia (Finale Emilia), Lorenzo Zorzi (Reggio Emilia) CRONO: Luca Finotti (Rovigo)

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette