22/05/2022

IL CASO

"Chiediamo lo spostamento del Consiglio Comunale, per permettere la partecipazione del Sindaco"

"Il primo cittadino, Edoardo Gaffeo è attualmente ancora convalescente"

Fase 3, in tribunale un "civile caos"

Il tribunale di Rovigo

02/03/2021 - 14:49

ROVIGO - "Alcuni consiglieri dei Gruppi di maggioranza hanno inviato in queste ore alla Presidente del Consiglio Comunale una lettera per chiedere lo spostamento del Consiglio Comunale in programma domani pomeriggio 3 marzo alle ore 16.30, ad una successiva data in modo da poter permettere la partecipazione del Sindaco di Rovigo, Edoardo Gaffeo che si sta occupando da tempo in prima persona della questione ed attualmente ancora convalescente", si legge nella nota inviata dal Gruppo Consigliare Con Edoardo Gaffeo Sindaco.

"Egregio Signor Presidente del Consiglio Comunale, intendo anche con questa comunicazione, esprimere il mio personale disagio per la recente convocazione del consiglio Comunale in seduta straordinaria per il giorno 3 marzo p.v. Dopo aver ascoltato la relazione fatta dal Sindaco ai capigruppo, nel corso della conferenza del 12.02.2021 era stata fatta presente, come nella successiva del giorno 26.02.2021, l’ opportunità di attendere l’esito della indagine che il Ministero della Giustizia sta svolgendo in questi giorni ai fini di individuare il luogo ove collocare il Palazzo di Giustizia in città. Infatti il tecnico incaricato dovrà concludere la propria relazione a breve e cioè entro il 10 marzo p.v. e, di conseguenza, non essendoci – allo stato - elementi di novità da riferire ai Consiglieri rispetto alla relazione fatta dal Sindaco ai capigruppo , appare necessario acquisire l’esito di tale indagine nonché la documentazione richiesta di recente dl Comune di Rovigo all’Agenzia del Demanio per verificare l’eventuale assegnazione degli spazi dell’ex Caserma Silvestri ad altri Uffici pubblici. Voglio poi aggiungere che dopo la mozione del Consiglio Comunale “ No al Carcere Minorile , sì al Tribunale in centro “ il Sindaco in prima persona ha curato, solo a volte affiancato da altri componenti dell’Amministrazione, la partecipazione ai tavoli tecnici sul tema del Tribunale nonché si è recato personalmente a Roma in più di una occasione per incontri sempre finalizzati ad individuare l’area dove collocare il Palazzo di Giustizia. Pertanto, considerato che il signor Sindaco non potrà essere presente il giorno 3 marzo p.v. in quanto convalescente dopo un recente intervento chirurgico, non sarebbe possibile una discussione e un approfondimento sul tema in questione in mancanza di chi ha seguito in prima persona , si ripete, l’intera vicenda. Per non tacere, comunque, della mancanza di “tatto” , date le circostanze, se si considera che anche nella già richiamata conferenza dei capigruppo del 12.02.2021 lo stesso Sindaco ha ribadito la disponibilità ad una seduta di Consiglio Comunale “ monotematico” sul Tribunale".

"Da ultimo voglio sottolineare che alla seduta del 3 marzo 2021 è stata chiesta la partecipazione di altri soggetti, a vario titolo interessati alla individuazione del luogo ove collocare il Palazzo di Giustizia, alcuni dei quali hanno anche partecipato con il Sindaco ai tavoli tecnici sopra richiamati. Appare del tutto evidente che questi stessi soggetti potrebbero far riferimento a vicende o ad elementi sui quali si rendono necessari chiarimenti o le repliche dello stesso Sindaco allo stato, si ripete, impossibilitato a presenziare. Pertanto ritengo necessario, anche segnalando i costi correlati ad una convocazione allo stato sostanzialmente inopportuna, che Lei chieda ai Consiglieri di opposizione , di sospendere la seduta e di decidere insieme la data per un prossimo consiglio comunale per mettere il signor Sindaco nelle condizioni di partecipare e consentire quella informativa e discussione effettiva indicate come motivazioni nella stessa richiesta di autoconvocazione".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0