05/03/2021

SCUOLA

“Insieme sul palco” il progetto del Celio-Roccati al Foggia Studenti Film Festival

Il cortometraggio polesano è stato selezionato tra le migliori opere nazionali

Il Celio-Roccati al Film Festival

ROVIGO - Ci sarà anche il progetto “Insieme sul palco” del liceo rodigino Celio-Roccati al Foggia Studenti Film Festival. Il cortometraggio polesano è stato selezionato tra le migliori opere nazionali e sarà presentato oggi online.

La kermesse, che era stata programmata dal 15 al 21 novembre scorso ma poi sospesa con Dpcm, sarà recuperata con la trasmissione in streaming dei lavori inseriti nella Official Selection dello Student Film Festival. Sabato sera in presenza, ma a porte chiuse in streaming live, la giuria presieduta dall’attrice Donatella Finocchiaro assegnerà i riconoscimenti alle migliori opere in competizione nelle sezioni lungometraggi, documentari e cortometraggi, oltre a premi speciali.

Nell’ambito del contest Student Film Fest saranno attribuiti i riconoscimenti University Award e High School Award alle migliori opere presentate dagli studenti delle università, Accademie di cinema, Accademie di belle arti e scuole secondarie di secondo grado.

“Insieme sul palco” è un progetto avviato nell’anno scolastico 2019/2020 che vede la sinergia delle associazioni di volontariato Giovani in Cammino e Smile Africa onlus, del liceo Celio Roccati di Rovigo dei Comuni di Costa (capofila) e Trecenta. Il progetto, che si avvale del contributo della Regione Veneto, sviluppa un progetto teatrale che unisce studenti liceali a giovani diversamente abili in una collaborazione che contribuisce alla maturazione psicologica, culturale, artistica e sociale di tutti i suoi partecipanti.

Il lavoro affrontato, un adattamento teatrale del film “Si può fare” di Giulio Manfredonia, avrebbe dovuto debuttare alla fine dello scorso anno scolastico, ma il lockdown ha impedito la prosecuzione delle prove. Durante la primavera i ragazzi sono stati supportati e aiutati per realizzare degli incontri a distanza e dei video per condividere criticità e progressi, testimoniare il percorso e il lavoro in corso. E’ emersa così la decisione di fare un cortometraggio con l’intento non tanto di sostituire la rappresentazione teatrale, ma per testimoniare il lavoro attraverso il quale un gruppo di ragazzi e di adulti, insieme, hanno affrontato la solitudine e l’isolamento in un momento di grave difficoltà come l’emergenza Covid, dove a tutti era negata la libertà di muoversi e di interagire.

Regia di Roberto Pinato; scenografie di Enzo Barion. Gli studenti coinvolti sono Maria Elena Andreoli, Benedetta Barone, Mattew Benvegnù, Melissa Callegari, Lorenzo Carozzini, Gabriel Da Silva Lima, Cristian Danese, Anna Frezzato, Jamila Karim, Gian Maria Milani, Giorgia Morgon, Luca Veghin. I ragazzi del Gic sono invece Lara Braggion, Giorgio Braiato, Matteo Claudio, Stefania Csornai, Tedi Cyrbja, Matilde Dainese, Chiara Fonti, Malika Karim, Annalaura Lanfredi, Matteo Muriani, Matteo Paltanin, Anna Rudian, Mattia Sandri, Martina e Sara Schiesaro, Chiara Sichirollo, Tommaso Veronese, Jacopo Zambello.

La scelta di fare teatro a scuola si è dimostrata una grande risorsa, in quanto, oltre a riflettersi in modo positivo sul rapporto alunno/percorso scolastico, favorisce le dinamiche interpersonali che nella pratica tradizionale possono non manifestarsi. Il lavoro attraverso il teatro contribuisce a sviluppare la creatività e offre agli studenti la possibilità di porsi in modo originale di fronte a un problema, esercitando la pluralità delle intelligenze e stimolando la motivazione.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette