24/02/2021

CORONAVIRUS IN VENETO

“Pfizer smentisce Zaia sui vaccini: adesso il presidente ha il dovere di denunciare”

Il Partito Democratico Veneto torna a sollecitare la massima trasparenza sul caso dell’acquisto di vaccini

Vaccino, in Polesine arriveranno 2500 dosi a settimana

VENETO - “L’Unione Europea mette in guardia dagli acquisti ‘fai da te’ al di fuori dei canali ufficiali, l’Ufficio anti frode di Bruxelles (l’Olaf) ha lanciato l’allarme sull’aumento delle tentate truffe legate a vaccini falsi o inesistenti, la Procura di Milano apre un’indagine sui faccendieri e c’è chi auspica un intervento dell’Autorità. nazionale anticorruzione.

Come se non bastasse, Pfizer ha smentito Zaia: gli intermediari non possono proporre i loro vaccini, perché non li forniscono a privati, ma solo ai Governi. Di fronte a queste parole il presidente ha il dovere di denunciare in Procura portando tutte le carte, non può tirare dritto come se niente fosse, dicendo che non ha seguito la trattativa o scaricando sul commissario Arcuri, girandogli le offerte”.

Con una nota dei consiglieri regionali Andrea Zanoni, Francesca Zottis, Anna Maria Bigon, Giacomo Possamai, Vanessa Camani e Jonatan Montanariello, il Partito Democratico Veneto torna a sollecitare la massima trasparenza sul caso dell’acquisto di vaccini. “Tutti vogliamo uscire prima possibile dalla pandemia e sappiamo che l’unico modo è accelerare le operazioni di vaccinazione. Ma questo va fatto in piena sicurezza, in gioco c’è la vita delle persone. Negli ultimi giorni continuano ad arrivare segnali di allarme sui rischi del ‘fai da te’: non possono restare ancora inascoltati”.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette