01/03/2021

CORONAVIRUS IN POLESINE

"Sospesa la somministrazione delle prime dosi: ma dovrebbero arrivare delle dosi integrative"

Compostella: "C'è incertezza sulla costanza della fornitura dei vaccini"

47716

Vaccini

ROVIGO - Questa settimana le dosi di vaccino Pfizer saranno ridotte a un terzo e anche spostate in avanti di un giorno, al loro arrivo. Dalla prossima, però, si tornerà a regime, integrando anche la riduzione di questa settimana. Lo ha spiegato il direttore generale dell'Ulss 5 Antonio Compostella, nel consueto aggiornamento con i Polesine. E, importante, ha precisato che tutti i richiami sono garantiti.

A oggi sono state vaccinate 7170 persone. "Il problema si riassume in una parola chiave: incertezza - ha spiegato Compostella - legata alla costanza della fornitura dei vaccini e alla sua adeguatezza alle nostre esigenze. Questa setttimana la fornitura all'Italia è stata drasticamente ridotta, all'Italia e, di conseguenza, al Veneto e al Polesine. Ieri avremmo dovuto ricevere 3500 dosi, non sono arrivate ieri, ci è stato comunicato che arriveranno nella giornata di oggi, ma unicamente un terzo di questa fornitura prevista. Ci è stato comunque assicurato che la settimana prossima la fornitura tornerà normale e dovrebbe arrivare, appunto, anche una integrazione per recuperare la riduzione attuale"

"In ogni caso - prosegue il direttore - anche lo scostamento di un giorno rispetto al programma nell'arrivo della fornitura può costituire un problema, dal momento che l'organizzazione della vaccinazione è una attività particolarmente complessa". In questi giorni, la somministrazione delle prime dosi è quindi sospesa.

Per gli ospiti delle case di riposo il 95% degli idonei è stato vaccinato, il 2% ha espresso dissenso, altri al momento non sono vaccinabili perché positivi o negativizzati da troppo poco tempo. Per quanto riguarda il personale dell'Ulss 5 a oggi è stato vaccinato il 50% dei dipendenti, con all'interno del personale che ha espresso il dissenso nella misura del 6%. "Da parte mia - prosegue Compostella - posso solo ricordare come il vaccino sia una occasione di ottenere sicurezza per sé e per gli altri, un vero e proprio atto di responsabilità".

E' anche per questo che l'Ulss 5 ha prodotto un video che comincerà da domani a circolare, proprio per sfatare fake news e timori infondati, oltre che per dare risposte a dubbi molto diffusi ma ai quali è molto semplice, oltre che importante, rispondere. "Sono convinto - prosegue il direttore generale - che, a parte una ristretta minoranza di persone aprioristicamente contrarie al vaccino, ce ne siano tante altre che possono essere tranquillamente 'recuperabili'".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette