16/01/2021

L'INIZIATIVA

"È una piaga che purtroppo continua ad esserci e ad avere dei numeri significativi"

L'intervento dell'assessore alle pari opportunità Alberghini, per la giornata contro la violenza sulle donne

ROVIGO - Oggi è la giornata internazionale per l'eleminazione della violenza contro le donne.

L'Assessore alle pari opportunità, Erka Alberghini presenta così la giornata:

"È una piaga che purtroppo continua ad esserci e ad avere dei numeri significativi. Inoltre a causa del covid le problematiche sono aumentate e l'ONU denuncia la possiibilità che si verifichino, a causa della convivenza forzata tra uomo e donna, in tutto il mondo circa 15 milioni di casi in più contro violenza contro le donne.

Pertanto è molto importante un'azione di sensibilizzazione costante e quotidiana, non solo in queste occasioni ma ogni volta che è possibile: bisogna cambiare la cultura maschile nei confronti delle donne.

Come comune per questa giornata, abbiamo realizzato una conferenza stampa nella quale il centro anti violenza polesano ha dato i dati di accesso delle donne polesano ai nostri sportelli. Inoltre abbiamo promosso e aderito ad alcune iniziative che ci sono state proposte come quella di esporre sul balcone del comune il banner "Cambia il finale", per tutte le donne che vogliono liberarsi da una situazione di violenza e decidere un destino diverso possono chiamare il centro anti violenza: è quel supporto, quel sevizio che le aiuterà ad uscire da una situazione di grande difficoltà.

Al tempo stesso abbiamo promosso anche l'iniziativa di SOROPTIMIS che ogni anno ripropone attraverso l'esposizione del banner "Orange the world", ovvero illumina il mondo di arancio che è il colore delle pari opportunita. Abbiamo anche colorato sia il palazzo del municipio che le torri della città di Rovigo di arancio.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette

Sono 14 i polesani morti con il covid nelle ultime 48 ore
CORONAVIRUS IN POLESINE

Covid, 14 polesani morti in 48 ore