02/12/2020

IL PARERE

"Politica ambientale: dalla propaganda, alla progettazione e ai fatti"

L'intervento del Forum dei Cittadini di Rovigo & Associazione Civica per Rovigo

"Pianteremo centinaia di piante"

Chi accusa di immobilismo in materia di Politica Ambientale la giunta di Rovigo (e l’assessore Merlo), cita a supporto l’ultima classifica del Sole 24 ore che, è bene precisare, è stata predisposta in base ad una serie di dati riferibili all’anno 2019: la giunta si è insediata solo a giugno dello scorso anno e le iniziative avviate hanno bisogno di tempi “fisiologici” che portino ai risultati prefissati con l’inizio del mandato.
Rovigo risulta da anni in posizione arretrata rispetto alla classifica delle città con la migliore qualità della vita e dell’ambiente; accusare l’assessore Merlo di non avere fatto il proprio lavoro e di essere una delle cause di questa posizione arretrata non è corretto, e ci sembra giusto esaminare minuziosamente quello che è stato (e continua ad essere) il suo lavoro in questi 18 mesi.
Un’analisi seria sull’operato dell’assessore deve partire dai tanti e complessi problemi legati all'ambiente che sono stati affrontati da questa Amministrazione. Vogliamo anche aggiungere che l’assessore Merlo ha anche assunto le funzioni dello sviluppo sostenibile, incluse attività produttive e controlli ambientali, con una visione che va oltre lo specifico dell’ambiente in senso stretto.
RIFIUTI - Su delega del Sindaco, Dina Merlo ha seguito la materia dei rifiuti all’interno del Comitato di Bacino contribuendo all’approvazione del piano d’ambito provinciale della gestione dei rifiuti. Per quanto poi riguarda la raccolta dei rifiuti a Rovigo, l’assessore ha predisposto un progetto di riorganizzazione che punta ad un aumento percentuale di differenziata, la cui presentazione e attuazione è stata tuttavia interrotta dalla situazione contingente di emergenza Covid. Questo progetto prevede l’estensione della raccolta porta a porta prima nei quartieri - nel 2021 - e successivamente nel centro storico, coinvolgendo direttamente i cittadini e le attività produttive.
ARIA - In termini di inquinamento dell’aria si è verificato che le città del Nord-Italia presentano valori e classificazioni molto simili, a causa delle condizioni meteo climatiche. È di questi giorni la notizia che l’UE ha condannato l’Italia per non avere fatto abbastanza per abbassare i livelli di inquinamento atmosferico da polveri sottili, dopo 10 anni di avvertimento. Questo significa che nei prossimi mesi tra i progetti che dovranno trovare spazio nei fondi europei (monitorati dall’amministrazione rodigina) saranno inclusi interventi strutturali di miglioramento della qualità dell’aria. Si concorda che gli interventi in emergenza, come le ordinanze antismog, si rendono necessari e attenuano il problema, ma non lo risolvono.
AREE VERDI - Si stanno realizzando progetti di riqualificazione di aree verdi pubbliche, con la partecipazione di una azienda locale, che fornisce le piante e contribuisce e partecipa attivamente al progetto.
In programmazione un progetto di imboschimento in area pubblica, con la sponsorizzazione di altre aziende del mondo imprenditoriale locale, che stanno manifestando un forte interesse verso forme di investimento verde del tessuto urbano.
Vi è inoltre una collaborazione costante con le associazioni ambientaliste del territorio per l’attivazione di progetti dal basso a regia comunale.
Infine, Dina Merlo si è fatta interprete della sensibilità della Giunta rispetto a Parco Langer, attivandosi per la conclusione dell’iter amministrativo finalizzato alla acquisizione del parco dal Demanio al Comune: si tratta di un passaggio complesso e di una sfida importante a cui l’Amministrazione Comunale, con il coinvolgimento delle associazioni, ha dedicato impegno ed energie.
La giunta Gaffeo sta concludendo la valutazione della revisione del piano del traffico e delle azioni di mobilità sostenibile. Dalle amministrazioni precedenti ben poco è stato fatto, sia come interventi emergenziali sia come interventi strutturali.
Le Politiche ambientali come efficientamento energetico, lo sviluppo del verde urbano, le isole pedonali e la riduzione dei rifiuti, sono proprio le iniziative che sono mancate a Rovigo negli ultimi 8-10 anni (come ben evidenziato dal consigliere Moretto) che ci hanno fatto scendere in classifica al confronto con altre città che, al contrario, hanno lavorato con metodo e costanza nel tempo.
Alla luce di queste considerazioni, è presto detto perché la nostra città si trovi ancora in fondo alle classifiche nelle valutazioni sulla qualità della vita e dell’ambiente e ci teniamo a rassicurare il consigliere Moretto e i concittadini che il tema ambientale è una priorità per questa giunta, al di là degli slogan (“Consumo zero suolo”) e al di là della situazione ereditata.

Forum dei Cittadini di Rovigo & Associazione Civica per Rovigo - Perché Cresca Felice

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette