02/12/2020

DOPO IL DPCM

"Fateci riaprire, vogliamo lavorare"

A sostenere questa protesta i titolari di palestre e piscine, chiuse, baristi e ristoratori, con chiusura anticipata alle 18

ROVIGO - In centinaia hanno manifestato in piazza Vittorio Emanuele, a Rovigo, nella serata di lunedì 26 ottobre, per chiedere di potere lavorare, di potersi guadagnare quella dignità, frutto della fatica, che è prevista espressamente dal nostro ordinamento. La chiamata a raccolta via social, scattata dopo l'annuncio del nuovo Dpcm, con misure molto severe, ha funzionato.

Sono arrivati i titolari di palestre e piscine, chiuse, baristi e ristoratori, con chiusura anticipata alle 18, ma anche tanti cittadini che sostengono questa protesta. Tanti cartelli e un grido che si è alzato dalla folla: "Fateci riaprire, vogliamo lavorare". Numerose le obiezioni sollevate dai presenti: la coerenza e la funzionalità di queste misure, rispetto ad altri settori che, invece, rimangono operativi; ma anche l'effettività dei ristori che dovranno arrivare, immediatamente a quanto ha detto il premier Conte nell'annuncio in diretta alla nazione domenica. E, anche, la profonda umiliazione di chi ha messo tutto se stesso nella propria impresa e ora si sente definire "attività non essenziale".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette