05/12/2020

LA SEGNALAZIONE

"Continui atti di vandalismo in piazza XX Settembre: bisogna agire"

La richiesta del consigliere Rossini al sindaco

ROVIGO - "Signor sindaco, purtroppo non è la prima volta che mi rivolgo a Lei affinché, con la sua autorevolezza, intervenga per porre fine a ripetuti atti di vandalismo e di teppismo che continuano a verificarsi nel centro storico in generale ma soprattutto con assidua puntualità in piazza XX Settembre e vie adiacenti. La invito a chiedere un tavolo di coordinamento con tutte le forze dell’ordine e la Polizia Municipale al fine di organizzare in queste zone una vigilanza a piedi, anche in borghese", è la richiesta del consigliere di opposizione, Antonio Rossini.

"Signor Sindaco, Rovigo non ha i problemi di criminalità di Palermo o Milano, non é possibile che, oramai da anni, non si riesca ad eliminare la micro criminalità di ragazzini che vanno dai 13 ai 22 anni! Più volte i nostri cittadini residenti in piazza XX Settembre e dintorni hanno denunciato pubblicamente aggressioni ed intimidazioni verbali, bottiglie di vetro lanciate contro le abitazioni, atti vandalici e di degrado, atti osceni, disturbi alla quiete, schiamazzi, consumo
e spaccio di droghe, assembramenti illeciti senza mascherine e distanze di sicurezza, invece neanche le misure anti convid vengono fatte rispettare! - continua Rossini - Io stesso mi sono personalmente recato presso il Comando di una forza di polizia per denunciare una situazione di micro criminalità che dovrebbe essere già nota e per la quale una positiva definitiva soluzione non é ancora arrivata, e dopo un momento di apparente tranquillità tutto torna peggio di prima. Se a Rovigo non si riesce a tutelare in pieno centro la tranquillità dei cittadini dove andremo a finire? Di seguito le parole che ho raccolto dai residenti".

Volevamo esprimere tutto il nostro rammarico come cittadini di fronte al deplorevole scempio di uno dei luoghi di maggior rilievo e cultura della nostra città: piazza XX Settembre con il tempio della Rotonda. Vista la situazione epidemiologica  che il nostro Paese sta attraversando, viste le restrizioni messe in atto dal Comune per contrastare la diffusione del virus e le conseguenti ripercussioni economiche subite dalla cancellazione della fiera di Rovigo  e visti gli enormi sacrifici che ognuno di noi nel proprio settore lavorativo e privato sta attraversando, ci chiediamo se è corretto assistere inermi ad un continuo afflusso di decine e decine di giovani irrispettosi del luogo, della città e delle autorità. Le varie attività sono costrette ad enormi sacrifici e  restrizioni, mi domando come sia possibile con un dpcm in vigore che nella serata di sabato sera 300 - trecento-giovani abbiano bivaccato e deturpato (alcuni in evidente stato di ebbrezza e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti) senza alcun distanziamento sociale e tenendo la mascherina abbassata, senza alcun controllo ( le pattuglie delle forze dell’ordine  rrivano solo dopo le nostre continue segnalazioni). Allego le foto per segnalare lo stato in cui si trova  la piazza stamattina, giornata di messe, visite di turisti e passeggiate con le famiglie. Mi chiedo come possano permettere tutto questo soprattutto nel momento in cui ci troviamo.

"Signor Sindaco ascolti il grido di aiuto dei concittadini, che chi di dovere, polizia municipale e forze dell’ordine in primis, intervengano con ogni mezzo e vigilanza  con il polso fermo per tutelare gli onesti cittadini dall’inciviltà da queste bande di arroganti ragazzi per i quali non esiste il rispetto degli altri e della legge. Rovigo è in Italia, un paese civile con precise regole di convivenza, non siamo nel far West! Attendo di conoscere con urgenza le determinazioni che Lei signor sindaco, vorrà adottare a tutela della nostra città", conclude Rossini.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette