27/10/2020

COLDIRETTI VENETO

Riso: cala la produzione, ma aumenta la richiesta

Preoccupazione per quello in arrivo dall'Asia

Il Riso del Delta del Po punta al Bio per essere ancora più competitivo

VENETO - E’ iniziata da una decina di giorni la prima raccolta del riso in Veneto al tempo della pandemia con il via alle prime trebbiature su tutto il territorio nazionale. “Quest’anno la produzione pur essendo di ottima qualità è in leggero calo per ettaro (-15%) a causa di punte di caldo e del maltempo. L’annata si presenta positiva per la qualità ma ora è fondamentale che nella fase di raccolta non si verifichino episodi di maltempo con grandine”, evidenzia Luca Melotti, presidente di Coldiretti di Isola della Scala e uno dei maggiori produttori scaligeri.

Secondo i dati di Veneto Agricoltura la superficie coltivata a riso in Veneto nel 2019 è leggermente diminuita a circa 3.250 ettari (-4%): il 90% degli investimenti si concentra nelle province di Verona (2.200 ha circa, -2,6%) e Rovigo (720, -6,9%).

Positivi gli acquisti di riso da parte degli italiani che fanno registrare un aumento record del 16% nel 2020 spinti dall’emergenza Covid che ha favorito la preparazione casalinga dei pasti ma anche una svolta verso il consumo di cibi considerati più salutari. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti relativa al primo semestre del 2020 sulla base dei dati Ismea.

Il cereale piu’ consumato al mondo – sottolinea la Coldiretti - è stato oggetto di una vera e propria guerra commerciale con l’inizio della pandemia con accaparramenti, controlli sui raccolti e limiti alle esportazioni da parte dei principali paesi produttori per garantire le forniture alimentari ai propri cittadini.

Un momento dunque importante per l’Italia che – continua la Coldiretti – si conferma primo produttore europeo di riso, con 228 mila ettari coltivati quest’anno e 4 mila aziende agricole che raccolgono 1,50 milioni di tonnellate di risone all’anno, pari a circa il 50% dell’intera produzione Ue e con una gamma varietale unica e fra le migliori del mondo.

Dalle risaie Made in Italy – ricorda Coldiretti - nascono opportunità di lavoro per oltre diecimila famiglie tra dipendenti e imprenditori impegnati nell’intera filiera, senza dimenticare lo straordinario impatto sul paesaggio, sull’ambiente e sulla biodiversità con 200 varietà, iscritte nel registro nazionale, dal vero Carnaroli, con elevati contenuto di amido e consistenza, spesso chiamato “re dei risi”, all’Arborio dai chicchi grandi e perlati che aumentano di volume durante la cottura fino al Vialone Nano, il primo riso ad avere in Europa il riconoscimento come Indicazione Geografica Protetta, passando per il Roma e il Baldo che hanno fatto la storia della risicoltura italiana.

A preoccupare è però – sottolinea Coldiretti -, il boom di arrivi di prodotto dai paesi asiatici, con una vera e propria invasione che ha saturato il mercato facendo concorrenza sleale ai coltivatori Made in Italy. Lo dimostra il caso del Myanmar (la ex Birmania) che nel 2020 ha aumentato del 44% le esportazioni di riso di varietà Japonica in Italia, secondo un’analisi Coldiretti su dati Istat relativi ai primi sei mesi dell’anno, e continua a godere delle esenzioni tariffarie che erano state, invece, sospese per la varietà Indica con la decisione di applicare la clausola di salvaguardia. Oltre a fare concorrenza sleale ai produttori italiani – ricorda la Coldiretti – sul paese pesa l’accusa di violazione dei diritti umani ed addirittura di “genocidio intenzionale” per i crimini commessi contro la minoranza musulmana dei Rohingya ed è quindi necessario attivare al più presto la sospensione totale del regime EBA (tutto tranne le armi) attivando al tempo stesso un monitoraggio quotidiano e coordinato a livello europeo delle importazioni di riso Japonica.

Ma anche le importazioni dal Vietnam sono cresciute del 17% e sono destinate ad aumentare ulteriormente grazie all’entrata in vigore nell’agosto scorso dell’accordo di libero scambio con la Ue che comporta – denuncia la Coldiretti - l’ingresso a dazio zero di 80mila tonnellate di riso lavorato, semilavorato e aromatico.

Nell’ambito dei negoziati internazionali per gli accordi di libero scambio il riso – sostiene la Coldiretti – deve essere considerato un prodotto “sensibile” dalla Commissione Ue, evitando nuove concessioni all’import e rendendo obbligatoria a livello europeo in etichetta l’indicazione del Paese di origine in modo da indirizzare gli investimenti dei fondi comunitari per la promozione solo verso il riso coltivato nell’Unione.

Per la sicurezza dei consumatori – afferma la Coldiretti – è poi necessario eliminare le soglie di tolleranza per le sostanze vietate all’interno dell’Ue con il divieto all’importazione di prodotti agricoli contenenti sostanze attive non approvate nell’Ue con reciprocità – conclude la Coldiretti – nelle regole sull’uso degli agrofarmaci tra i produttori Ue e tra questi e quelli dei paesi terzi.

“E’ necessario che tutti i prodotti che entrano nei confini nazionali ed europei rispettino gli stessi criteri a tutela della dignità dei lavoratori” ha concluso il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare che “che dietro gli alimenti, italiani e stranieri in vendita sugli scaffali ci deve essere la garanzia di un percorso di qualità che riguarda l’ambiente, la salute e il lavoro, con una giusta distribuzione del valore”.​

 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette