09/07/2020

CISL ROVIGO

"Zls e Amazon, posti di lavoro per uscire dalla crisi"

L'analisi del sindacato

“Zes, ci servono strade e ferrovie”

ROVIGO - 1.600 posti di lavoro persi in Polesine. E’ il dato emerso dal consiglio generale della Cisl di Padova e Rovigo che ha analizzato la situazione economica. “Saremo partecipi del cambiamento” lo slogan della Cisl, con il segretario Samuel Scavazzin che ha analizzato “una crisi dal contorni ancora incerti, che ha azzerato alcuni settori e si è abbattuta con particolare gravità su determinate categorie di lavoratori”. L’analisi del segretario, all’incontro anche Ginafranco Refosco, segretario regionale Cisl, ha affrontato i vari settori. Per quanto riguarda l’assunzione dei lavoratori dipendenti, si registra un “costante aumento nell’agricoltura, una diminuzione nell’industria e un pesante calo nei servizi”. La pandemia ha pesato in modo più pesante sull’assunzione dei somministrati.

“I dati ci inducono ad essere moderatamente ottimisti, ma a settembre ne capiremo di più -ha commentato Scavazzin - Confrontandoli, sembra che il Polesine abbia reagito meglio del padovano, forse per una forte presenza del settore agricolo. La maggior parte dei licenziamenti è avvenuta nella piccola e media impresa, che caratterizza il nostro territorio e ha rivelato tutta la sua fragilità. Complessivamente, l’epidemia ha provocato in Veneto la perdita di 65.000 posti di lavoro, 6.700 dei quali a Padova e 1.600 a Rovigo. La metà circa delle posizioni perdute interessa il settore turistico”.

Scavazzin ha illustrato quale sarà l’apporto della Cisl Padova Rovigo nei difficili mesi che ci aspettano. Tre le linee guida. “La prima interessa il welfare sociale. L’obiettivo rimane di mettere al centro il lavoro e la sua qualità attraverso il welfare generativo, l’incremento delle risorse per le politiche socio-assistenziali”. La seconda priorità è “il lavoro che vogliamo: innovativo, attrattivo, inclusivo. E qui entra in gioco il ruolo della Cisl nel progetto Amazon, l’attività degli sportelli lavoro, l’interconnessione tra welfare aziendale e territoriale, e una politica efficiente degli appalti pubblici. Infine il green deal del territorio, con la Zls in Polesine e l’Innovation Hub di Padova.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette