05/07/2020

IRAS

"Tagli al personale? Ma se gli infermieri sono passati da 28 a 29"

Così il direttore dell'Iras, Luca Avanzi risponde al comunicato dei sindacati

ROVIGO - "Sono stupito dalle modalità di questo comunicato che è pieno di bugie e ho intenzione di dimostrarlo. Si usa 5 volte la parola tagliare ma all'Iras non abbiamo tagliato nulla", sono le parole del direttore dell'Iras, Luca Avanzi in risposta al comunicato dei sindacati che denunciavano il taglio degli infermieri e in particolare l'abolizione del "secondo infermiere di notte".

"Gli infermieri erano 28 al primo gennaio e al primo di giugno erano 29 non abbiamo tagliato nulla, anzi. Ma vi dirò di più: abbiamo sospeso temporaneamente il servizio infermieristico notturno nella casa soggiorno perché da un mese e mezzo la cooperativa ha detto che non aveva più infermieri. Noi abbiamo provato a fare il servizio infermieristico notturno con i nostri infermieri ma non sono insufficienti. Quindi abbiamo deciso di fare la stessa cosa che facevamo un anno e mezzo fa. Viene garantito al bisogno l'infermiere con il servizio centrale. Si parla di 60 metri - continua Avanzi - Sappiate che è un servizio di attesa. L'infermiere non è una pallina che rimbalza da una parte all'altra come descritto dai sindacati. Loro hanno detto una bugia sapendo di dirla. Il servizio di notte è garantito da un infermiere e 4 oss. Quella che vi hanno descritto è una immagine fuorviante. Mistificante. Non ci sono stati tagli, non è vero che abbiamo tagliato l'assistenza infermieristica. Continuiamo a garantirlo. Ci sono state due chiamate per insistenza infermieristica dalla casa soggiorno dal primo di giorno".

A ancora, Avanzi precisa: "E' falso che i sindacati non siano stati convocati, aspetto ancora risposta ad una richiesta di incontro. Avevo convocato una riunione alla quale non hanno partecipato 10 infermieri su consiglio sbagliato probabilmente dei sindacati. Non siamo in carenza di personale ma abbiamo difficoltà, come tutte le altre strutture, a reperirne di nuovi. Quindi il posto lasciato vacante dalla cooperativa sarà comunque prima o poi coperto ma questo non significa che ci siano stati tagli o manchino persone. Attualmente abbimo 280 ospiti, 120 oss e 29 infermieri professionali. Siamo completamente negli standard anzi, abbiamo 7 infermieri in più perché abbiamo strutture separata e lo stesso vale per gli oss. Infine ricordo che io sono l'unico direttore del Polesine che ha contrattato con i sindacati per aumentare l'indennità al personale per l'ottimo lavoro svolto durante l'emergenza. Non mi aspetto che mi dicano grazie. Ma neanche questo. Un comunicato di bugie".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette