02/06/2020

CORONAVIRUS IN VENETO

La linea di Zaia vince: da lunedì spostamenti liberi, senza autocertificazione

L'annuncio è arrivato in serata: il Governo accetta le linee guida proposte dalle Regioni

L'elogio del presidente Zaia ai Carabinieri

ITALIA - L'annuncio è arrivato in serata, quando il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha dichiarato che le proposte avanzate dalle Regioni sono state accolte dal premier Giuseppe Conte, che ora dovrà sottoporle al giudizio del consiglio dei ministri. Al centro di tutto c'era un tema fondamentale, ossia la possibilità, per le Regioni, di adottare proprie linee guida, in alternativa a quelle, molto rigide, dell'Inail. Le Regioni, infatti, domandavano maggiore flessibilità, ritenendo che le prescrizioni di livello nazionale avrebbero, di fatto, impedito a varie attività di aprire.

Ora, come annunciato da Zaia, l'intesa è stata raggiunta. Con l'avvertenza, però, che il Dpcm ancora non è stato emesso. Potrebbe arrivare nella giornata di domani. Le linee guida elaborate dal Veneto, in particolare, riguardavano la distanza minima da tenere in spiaggia, nei bar, nei ristoranti. Secondo queste disposizioni, ci sarà l'obbligo di fare indossare le mascherine ai clienti dei ristoranti ogni volta che non si è seduti al tavolo. E poi, igienizzanti per la mani e mascherine ai camerieri, consumazioni al banco solo se è possibile la distanza di un metro. Non saranno consentiti buffet. Per quanto riguarda le spiagge, anche quelle libere, si prevede un metro la distanza tra le persone. Saranno vietati i giochi e gli sport di gruppo.

Le medesime linee guida del Veneto prevedono che sia misurata la temperatura ai clienti di supermercati e negozi (sopra ai 37,5 gradi non si potrà entrare) e che negli esercizi commerciali i clienti indossino sempre la mascherina e in quelli del settore dell'abbigliamento dovranno avere anche i guanti. Nei centri estetici, gli operatori dovranno indossare la mascherina e, chiedono i governatori, bagno turco e sauna dovranno restare chiusi. Distanza obbligatoria tra i clienti di un metro, come per i saloni dei parrucchieri.

Per quanto riguarda gli spostamenti tra Regioni, il via libera dovrebbe arrivare il 3 giugno, mentre dal 18 maggio, gli spostamenti all'interno delle Regioni saranno liberi, senza autocertificazioni.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette