09/08/2020

L'INTERVISTA

"Siamo pronti per ripartire... ma le incertezze sono ancora troppe"

Così i ristoratori rodigini sulla sempre più prossima apertura

ROVIGO - Da lunedì via libera alle aperture di tutte le attività. A deciderlo il governatore del veneto, Luca Zaia, dopo che il premier Conte ha affidato alle singole Regioni, sulla base della situazione epidemiologica, la responsabilità della riapertura. E proprio di riapertura hanno parlato esercenti, primo cittadino Gaffeo e presidente del consiglio Romeo durante il tavolo di confronto che si è tenuto ieri mattina in sala consiliare. Lo scopo del confronto era provare a delineare un quadro della ripartenza. In questa sede i ristoratori hanno esposto al sindaco Gaffeo e alla presidente Romeo le maggiori preoccupazioni per la riapertura e avanzato le proprie richieste. Le incertezze però sono ancora molte.

“Non posso che apprezzare - ha detto al termine dell’incontro Giacomo Sguotti, titolare del Corsopolitan - il sindaco Gaffeo e la presidente Romeo che ci hanno convocato qui, stamattina (ieri per chi legge ndr) per capire le esigenze delle diverse categorie di commercianti, in particolare oggi (ieri per chi legge ndr) eravamo soprattutto ristoratori. Il problema è quello di riuscire a sopperire alle nuove misure che arriveranno, speriamo quanto prima. Il problema è proprio questo: le misure devono arrivare tempestivamente. Per la riapertura si parla di nuove distanze, sanificazione e così via: abbiamo bisogno di averle al più presto per avere il tempo materiale di preparare e risistemare le nostre attività. Mi auguro davvero che queste nuove norme arrivino il prima possibile perché siamo tutti qui in balìa di non sappiamo nemmeno bene cosa. Per un’attività che è chiusa da mesi, arrivare a giovedì/venerdì senza sapere cos’è necessario fare per poter riaprire in sicurezza rappresenta un grosso disagio per noi, rasenta la follia. Dell’incontro di oggi (ieri per chi legge ndr) siamo contenti del confronto con il sindaco e la presidente, è stato buono e costruttivo. Noi ci proviamo, ci stiamo provando e apriamo poi bisogna che la gente si rimetta in funzione e riparta anche lei”.

“Confidiamo davvero nella riapertura, nelle indicazioni e prescrizioni che auspichiamo arrivino al più presto - ha aggiunto Daniele Rossi, titolare del Prosciuttiamo - Siamo tutti d’accordo e tutti solidali”.

Anche Michela Guerrato, titolare del bar Paradise, concorda: “Speriamo presto di poter ricominciare a pieno ritmo, se così si può dire, in sicurezza. Il clima collaborativo di questa mattina ci fa sperare che, appena ci saranno delle direttive in più sulle riapertura, potremo attivarci tutti, subito e al meglio”

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette