22/10/2020

COMUNE DI ROVIGO

"I litigi tra il Pd di Rovigo e l'amministrazione Gaffeo sono imbarazzanti, pensino alla città"

Riccardo Ruggero, commissario della Lega, attacca la maggioranza

“Sistemeremo l’ex ospedale”

Riccardo Ruggero, commissario della Lega

ROVIGO - "In un momento così drammatico per l'economia, per i cittadini ed imprese, trovo davvero imbarazzanti i litigi tra il Pd di Rovigo e l'amministrazione Gaffeo di cui lo stesso partito è socio di maggioranza, che chiede perfino un incontro al sindaco sul bilancio che dovrebbero loro stessi aver predisposto. Questi litigi, sicuramente legati più alle nomine nelle società partecipate che alla risoluzione dei problemi sono irrispettosi dei cittadini che vogliono risposte". Lo spiega Riccardo Ruggero, commissario della Lega,sezione di Rovigo, e coordinatore provinciale Lega Giovani Rovigo.

"Oltre all'immobilismo dimostrato da questa Giunta - prosegue - ad ormai quasi un'anno dall'insediamento, dobbiamo anche rilevare l'incapacità di prendere decisioni fondamentali ed immediate per la vita di questa comunità. In questo momento di grave difficoltà economica per il Paese e per la nostra città l'amministrazione comunale dovrebbe intervenire a sostegno di partite Iva e Imprese, investendo tutte le risorse disponibili, non solo i, troppo pochi, 400mila euro già stanziati, ma anche i più di due milioni che si risparmieranno con la sospensione dei mutui, da destinare al taglio delle tasse comunali (Imu, Tari e Tosap) alle aziende colpite dalla chiusura imposta dal Governo".

"La Fase 2 prevederà che le attività commerciali applichino delle distanze elevate tra le persone con una diminuzione di clienti che potranno essere serviti e una conseguente diminuzioni dei ricavi con anche ricadute occupazionali. Poiché l'amministrazione non è in grado di dare risposte concrete a queste attività, mi permetto di suggerire alcune soluzioni che potrebbero alleviarne le difficoltà. Prima di tutto, destinare una parte delle risorse per aiutare le aziende a sostenere i costi della sanificazione giornaliera degli ambienti che sarà obbligatoria".

"Per le attività commerciali che sono rimaste chiuse a seguito dei vari Dpcm e che hanno il plateatico esterno, scontare la tassa per i giorni in cui sono rimasti chiusi, permettere inoltre senza alcun esborso economico l'ampliamento degli stessi al fine di mantenere lo stesso numero di clienti nonostante l'obbligatorio distanziamento. Permettere, inoltre, senza alcun esborso economico, per tutta la durata dell'emergenza, alle attività commerciali di utilizzare gli spazi prospicienti ai negozi per l'esposizione della merce al fine di evitare assembramenti e lunghe code. Queste sono soluzioni che già in alcune città stanno valutando di adottare".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette