29/05/2020

LA CAMPAGNA

"Sono commosso da come la città sta reagendo e dai tantissimi volontari"

Anche il sindaco di Rovigo, Edoardo Gaffeo sostiene l’iniziativa realizzata da “Rovigoindiretta” con "La Voce di Rovigo", “Polesine24.it” e la blogger Chiara Moss

Gaffeo: "Questa emergenza ha fatto uscire una generosità straordinaria che mi ha commosso"

ROVIGO - Superati i 2mila euro nella nostra campagna di raccolta fondi a favore della sanità polesana, durante questa emergenza a causa dell’espandersi del Coronavirus, prosegue a vele spiegate.
E’ il modo che abbiamo scelto per donare una speranza in più a chiunque dovrà affrontare la difficile battaglia contro il Covid-19,una campagna promossa La Voce di Rovigo, Rovigoindiretta e Polesine24.it che, in collaborazione con la giovane blogger rodigina Chiara Moss, raccoglieranno fondi attraverso gofundme.com. L’obiettivo è l’acquisto di materiale sanitario a favore della sanità del nostro Polesine. Una campagna per la quale si stanno spendendo molti testimonial del nostro territorio, dalla politica allo sport, dalla cultura allo spettacolo, dall’imprenditoria alla medicina. Dopo i sindaci di Porto Tolle, Roberto Pizzoli; di Lendinara, Luigi Viaro; di Bergantino, Lara Chiccoli; e di Polesella, Leonardo Raito; e l’assessore regionale veneto Cristiano Corazzari, ecco il primo cittadino di Rovigo, Edoardo Gaffeo, che sostiene la nostra campagna di raccolta fondi.
Anche lui ha affidato il suo videomessaggio di sostegno, e risposto a qualche domanda più personale che meramente politica.

Come è cambiata la sua vita in queste settimane di emergenza?
“Beh sicuramente un po’ è cambiata, è un periodo complicato anche dal punto di vista lavorativo, stiamo affrontando una emergenza che riguarda tutta la città e la gestione dal punto di vista amministrativo è complessa. Abbiamo cercato in tempi rapidissimi di passare allo smart working ma io, di fatto, faccio fatica a gestire da casa quindi sono quasi sempre in ufficio. Ci stiamo mettendo impegno totale ve lo assicuro e ci scusiamo per i disguidi ma nessuno avrebbe mai immaginato di trovarsi ad affrontare una autentica emergenza in senza essere preparati. Affrontarla da sindaco è complicata: hai una responsabilità maggiore, devi organizzare tutto per la tua comunità e prenderti cura delle persone fragili. Qualcosa ha funzionato bene, qualcosa meno, ma al di là di qualche piccola polemica, quasi fisiologica, non sposta però di un millimetro il fatto che 100 persone si sono messe a disposizione con generosità straordinaria. Devo dire che la città ha risposto in maniera commovente. Tanti, tantissimi volontari si sono fatti avanti e li ringrazio a nome della comunità”.

Come l’ha spiegata ai suoi cari?
“I miei figli sono grandi non ho dovuto spiegare molto, anzi. Mia figlia è al secondo anno di medicina e mio figlio ha 19 anni e capisce bene cosa stiamo vivendo. Ne parliamo con preoccupazione come immagino facciano anche e altre famiglie e cerchiamo di non esporci ai rischi. Viviamo con apprensione non sarà facile ma sono convinto che ne usciremo”.

Qual è la cosa alla quale ha rinunciato con più difficoltà?
“Nuotare. Mi ero ripromesse di tornare a farlo per sfogarmi un po’, ma purtroppo non mi è stato possibile”.

Cosa ha riscoperto, invece, in questi giorni di clausura quasi totale?
“Lo devo ammettere, non ho avuto tempo per fare nulla se non lavorare per la mia città. E’ un periodo concitato non ho avuto tempo per fermarmi o riflettere. Ma sono certo che presto passerà, voglio essere ottimista come lo sono sempre stato di natura. Stringiamo i denti, non molliamo ora”.

Queste le parole del sindaco Gaffeo, che invita tutti a donare, anche un solo euro, per sostenere la sanità in Polesine.

Farlo è semplicissimo. Basta copiare il link https://gf.me/u/xsd2r4 e seguire le istruzioni per la donazione attraverso la vostra carta di credito. Altrimenti potrete inquadrare il qrcode con la fotocamera del vostro smartphone che vi farà accedere automaticamente al sito per la donazione. Oppure ancora andare su www.gofundme.com e cercare la campagna di raccolta fondi dal titolo “La tua donazione oggi è ossigeno”.
Una volta all’interno della campagna, cliccare su “Fai una donazione” e seguire le istruzioni. Anche un solo euro è importante, perché andrà direttamente a sostenere la nostra sanità in un momento così difficile.
La parola d’ordine è sempre la stessa: donate, perché tutti insieme, uniti, riusciremo a metterci alle spalle anche questo terribile periodo, uscendone più forti di prima.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette