27/02/2021

L'INIZIATIVA

Rovigo e Arpav a caccia di "nasi"

Si tratta di un progetto pilota sulle molestie olfattive lanciato dal Comune di Rovigo e da Arpav

Rovigo e Arpav a caccia di "nasi"

ROVIGO - A Rovigo si cercano “annusatori” volontari. L’Agenzia regionale per l’ambiente e il Comune hanno deciso di coinvolgere i cittadini in un progetto pilota sulle molestie olfattive. La percezione degli odori infatti è diventato un indicatore fondamentale dello stato dell’ambiente e del benessere dei cittadini.

Arpav, seguendo le linee guida del Sistema nazionale delle agenzie sulle attività a forte impatto odorigeno, ha elaborato un metodo per monitorare sistematicamente la percezione olfattiva della popolazione in zone interessate da fenomeni di molestia olfattiva, quali quelli provenienti, ad esempio, da discariche, da allevamenti intensivi, da impianti di trattamento fanghi e/o biomasse.

Per Rovigo Arpav ha analizzato i dati delle segnalazioni pervenute dai cittadini negli ultimi cinque anni sul territorio comunale individuando quattro aree, Boara Polesine, Mardimago, Borsea e Roverdicrè, nelle quali le emissioni odorigene hanno un rilevante impatto sulla vita dei cittadini.

In collaborazione con il Comune di Rovigo in queste aree, saranno individuati su base volontaria i cittadini segnalatori che avranno il compito di registrare gli episodi di molestia olfattiva.

I volontari che parteciperanno al monitoraggio potranno registrare le segnalazioni su moduli cartacei già predisposti o attraverso un’applicazione disponibile su tutti i sistemi operativi e utilizzabile da Telegram.

Oltre a gestire l’addestramento dei cittadini coinvolti nel monitoraggio, la raccolta e trattamento dei dati, Arpav metterà a disposizione un sistema di campionamento dell’aria da remoto che permette di prelevare tempestivamente e senza l’intervento di un operatore l’aria nell’ambiente circostante, in questo modo si riuscirà ad ovviare al principale problema dalla dispersione di sostanze a forte impatto odorigeno, ossia la loro breve durata.

L’obiettivo è di rappresentare in forma oggettiva e documentata il disagio della popolazione residente e di fornire al Comune uno strumento utile per intervenire prontamente nei riguardi di attività che emettano odori non tollerabili dai cittadini.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette