26/09/2020

LA CAMPAGNA

“La nostra responsabilità è ancora più forte”

L’iniziativa realizzata con “Rovigoindiretta” “Polesine24.it” e la blogger Chiara Moss

“La nostra responsabilità è ancora più forte”

La nostra campagna di raccolta fondi a favore della sanità polesana, durante questa emergenza a causa dell’espandersi del Coronavirus, prosegue a vele spiegate. E’ il modo che abbiamo scelto per donare una speranza in più a chiunque dovrà affrontare la difficile battaglia contro il Covid-19,una campagna promossa La Voce di Rovigo, Rovigoindiretta e Polesine24.it che, in collaborazione con la giovane blogger rodigina Chiara Moss, raccoglieranno fondi attraverso gofundme.com. L’obiettivo è l’acquisto di materiale sanitario a favore della sanità del nostro Polesine.

Una campagna per la quale si stanno spendendo molti testimonial del nostro territorio, dalla politica allo sport, dalla cultura allo spettacolo, dall’imprenditoria alla medicina. Dopo i sindaci di Porto Tolle, Roberto Pizzoli; di Lendinara, Luigi Viaro; di Bergantino, Lara Chiccoli; e di Polesella, Leonardo Raito; di Rovigo, Edoardo Gaffeo, e l’assessore regionale veneto Cristiano Corazzari, ecco il primo cittadino di Occhiobello, Sondra Coizzi, che sostiene la nostra campagna di raccolta fondi.
Anche lei ha affidato il suo videomessaggio di sostegno, e risposto a qualche domanda più personale che meramente politica.

Come è cambiata la sua vita in queste settimane di emergenza?
“La mia vita in questa emergenza è cambiata profondamente perché ho sentito ancora più forte la responsabilità per la guida di un comune importante come Occhiobello. Mi sto occupando di sicurezza e sanità pubblica con attività straordinarie. Sto gestendo la comunicazione anche attraverso un dialogo nuovo con i cittadini, che dopo aver ascoltato i comunicati video, che giro da sola, mi contattano e mi chiedono di rispondere a ogni tipo di dubbio risolvere ogni problema. E cerco di dare a tutti una risposta. Grazie alla collaborazione con i miei consiglieri, il rapporto con i sindaci, il prefetto, le forze dell'ordine... ogni minuto è dedicato alla gestione dell'emergenza”.

Come l’ha spiegata ai suoi cari?
“Ho una figlia venticinquenne che non vedo da un mese e vive a Bologna. Ci vediamo tramite le videochiamate e quando abbiamo voglia di sentirci anche un messaggino serve per stemperare la tensione punto mia madre più che ottantenne vive in un altro comune e anche con lei mi rapporto tramite videochiamate entrambe capiscono che dobbiamo stare lontane per salvare la nostra salute, non c'è stato bisogno di particolari spiegazioni...”.

Qual è la cosa alla quale ha rinunciato con più difficoltà?
“Ho rinunciato malvolentieri a qualche aperitivo con amiche e amici che mi serviva moltissimo per conoscere le ultime news del paese e consolidare i rapporti di amicizia, per me davvero essenziali per la mia vita”.

Cosa ha riscoperto, invece, in questi giorni di clausura quasi totale?
“Ho riscoperto quanto è bello giocare a scacchi con mio marito alla sera, e strimpellare con lui al pianoforte e con la chitarra, cantare e scherzare. Tutto sommato a casa sto bene, ci sto volentieri”. Queste le parole del sindaco Coizzi, che invita tutti a donare, anche un solo euro, per sostenere la sanità in Polesine.

Farlo è semplicissimo. Basta cliccare sul link e seguire le istruzioni per la donazione attraverso la vostra carta di credito. Altrimenti ancora andare su www.gofundme.com e cercare la campagna di raccolta fondi dal titolo “La tua donazione oggi è ossigeno”. Una volta all’interno della campagna, cliccare su “Fai una donazione” e seguire le istruzioni. Anche un solo euro è importante, perché andrà direttamente a sostenere la nostra sanità in un momento così difficile. La parola d’ordine è sempre la stessa: donate, perché tutti insieme, uniti, riusciremo a metterci alle spalle anche questo terribile periodo, uscendone più forti di prima.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette