02/03/2021

CORONAVIRUS A ROVIGO

"Ora più che mai dobbiamo lavorare uniti a favore di chi ha più bisogno"

Il capogruppo della Lega, Michele Aretusini, propone di istituire un tavolo comune per distribuire nella maniera migliore i fondi per l'emergenza

Soldi per chi apre negozi in centro

ROVIGO - "Accogliamo con favore la notizia della presentazione, da parte dell'amministrazione comunale, di un emendamento al bilancio di prossima approvazione da 400mila euro, per istituire un fondo di emergenza per il coronavirus, aggiuntivo e ulteriore rispetto a quelli che arriveranno dal Governo. Ora più che mai è allora importante lavorare uniti, per raccogliere le varie richieste di aiuto che arrivano dal territorio e fare in modo che nessuno rimanga indietro". Lo spiega il capogruppo della Lega in consiglio comunale a Rovigo Michele Aretusini.

"Per primi - spiega - avevamo suggerito una mossa di questo tipo. Ora, constatiamo con piacere che l'amministrazione ha fatto sua e ampliata questa proposta. E' evidente, allora, che in un momento di emergenza come questo, se si lavora tutti assieme e si ascoltano le proposte costruttive, tutto funziona meglio. Se, al contrario, si tira avanti per la propria strada nonostante vari suggerimenti, sempre convinti di saperne più degli altri e di bastare a se stessi, come accaduto per organizzare la distribuzione delle mascherine in città, si creano confusione e disservizi. Esattamente ciò di cui non abbiamo bisogno ora".

La proposta di Aretusini, allora, è chiara: "Istituiamo un tavolo per ragionare assieme e individuare la maniera migliore di aiutare e i soggetti e le categorie che maggiormente hanno urgenza di tornare a respirare, con questa somma che verrà stanziata. In questo modo saremo certi di non dimenticare nessuno e di massimizzare l'aiuto che da quella somma può arrivare".


"Da parte nostra - conclude - Fatte salve le esigenze immediate, ossia potere fare la spesa, alle quali saranno destinati i fondi in arrivo dal Governo, tramite la protezione civile, pensiamo che le categorie che maggiormente necessitino di sostegno, a fronte di una serrata che, ancora, non si sa quanto possa durare, ma che di certo non terminerà prima di Pasqua e, per i locali, verosimilmente anche qualche settimana in più, siano le partite Iva e gli esercenti".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette