23/10/2020

CORONAVIRUS IN POLESINE

La proposta dell'amministrazione "400mila euro per far fronte all'emergenza"

"Una manovra fortemente voluta" spiegano i consiglieri Biasin, Osti e Traniello del Gruppo "Con Edoardo Gaffeo Sindaco"

In 50 per 2 posti in Comune

ROVIGO - "Si avvicina l’approvazione del Bilancio di previsione 2020. Il Sindaco e le forze di maggioranza hanno ritenuto indispensabile proporre – con un emendamento depositato il 28 marzo – alcune modifiche al bilancio predisposto dalla Giunta ai primi di marzo, con l’istituzione di un capitolo di complessivi 400.000 euro da utilizzare per far fronte all’emergenza COVID 19. A questo importo si aggiungono circa € 270.000 euro, assegnati dal Ministero dell’Interno e contabilizzati nel bilancio del Comune, nell’ambito delle misure urgenti di solidarietà alimentare" scrivono in una nota stampa i consiglieri comunali Elena Biasin, Giorgio Osti, Elisabetta Traniello del Gruppo "Con Edoardo Gaffeo Sindaco", sui fondi di bilancio per l'emergenza coronavirus.

In questo momento sono in fase di definizione le modalità con le quali mettere a disposizione delle persone in difficoltà buoni - spesa o comunque per recapitare a chi ne ha diritto generi alimentari o prodotti di prima necessità.

"Si tratta di una manovra importante che l’Amministrazione ha fermamente voluto per far fronte all’emergenza straordinaria e alle esigenze della città senza escludere la possibilità di destinare all’emergenza ulteriori cifre che si rendessero disponibili nel corso dell’anno. La decisione, tuttavia, di non “azzerare” completamente i diversi capitoli di spesa previsti nel bilancio, come richiedono alcune parti in questi giorni, ha una motivazione altrettanto vitale".

"Bisogna essere consapevoli che, in un momento difficile, pensare al bene della città significa da una parte mettere in campo risorse cospicue per l’emergenza ma, contemporaneamente, continuare la progettazione nel medio e nel lungo termine".

"Per questo motivo è inutile ed anzi dannoso “ingessare” somme rilevanti su una sola voce di spesa per le emergenze. Sarebbero fondi che magari sarebbe impossibile spendere veramente nell’arco di poco tempo, spogliando di risorse altre funzioni altrettanto necessarie. Il denaro deve circolare in più direzioni, per sostenere davvero una ripresa efficace quando nei prossimi mesi, come tutti ci auguriamo, finirà l’emergenza".

"Per l’assistenza dei cittadini il Comune si sta adoperando anche utilizzando i contributi statali perché i cittadini hanno ora certamente bisogno di un supporto straordinario. Tra non molto, però, ci sarà bisogno di riprendere l’attività di pianificazione urbanistica, manutenzione su scuole, strade e impianti sportivi, di un’offerta culturale per ritrovare sé stessi e per tornare a popolare le vie e le piazze, ravvivando anche il circuito commerciale. Un bilancio comunale saggio sa distribuire le voci di spesa su più fronti, con la capacità di gestire la necessità del presente e di mantenere la lucidità di valutare organicamente anche le scelte economiche che si presenteranno in un futuro assai prossimo".

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

LE ALTRE NOTIZIE:

Notizie più lette