25/10/2020

CORONAVIRUS IN VENETO

"Il sistema sanitario nazionale è un bene comune e va salvaguardato. Dopo questa emergenza basta ai tagli"

La nota dei comitati regionali, una riflessione per quanto sarà finita

Medici in “appalto”, è protesta

ROVIGO - "I Comitati per la difesa del Servizio sanitario nazionale (Ssn) e del diritto alla salute, sorti spontaneamente e da anni attivi nelle province di Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza, sentono la necessità di esprimere, dopo reciproca consultazione, col medesimo comunicato e nello stesso giorno, la loro profonda preoccupazione per la grave situazione sanitaria venutasi a creare nel Veneto, e in Italia, a seguito della diffusione repentina del Covid 19". Lo spiega la nota stampa comune dei vari comitati.

"Esprimono - prosegue la nota - innanzitutto vicinanza e cordoglio ai parenti e agli amici delle vittime del Covid 19; manifestano  piena solidarietà e riconoscenza a tutti i lavoratori della Sanità per l’abnegazione con cui hanno finora affrontato l’emergenza Covid, nonostante condizioni di lavoro di grave insicurezza, per la propria e l’altrui salute, privi dei minimi presidi di protezione e salvaguardia; ugualmente esprimono gratitudine a tutti quei lavoratori che, continuando la propria attività in condizioni di disagio, permettono ad ogni cittadino di sopravvivere in questo difficile frangente".

"Denunciano tuttavia con forza, come da molto tempo stanno facendo, ciascuno nel proprio territorio, l’evidente inadeguatezza del Ssn, un tempo tra i migliori ma ora  stremato da anni di tagli ai servizi territoriali e ai posti letto negli ospedali, anche nei reparti di Terapia Intensiva; sollecitano la Regione e il Governo ad assumere un atteggiamento pienamente responsabile ed adeguato alla sfida in atto provvedendo, nel più breve tempo possibile alla fornitura dei presidi sanitari per la prevenzione del contagio a tutti i sanitari a rischio, in particolare negli ospedali, oltre che a provvedere a nuovi posti letto, nuovi operatori, e attrezzature sanitarie di supporto indispensabili". 

"Confermano, ora più che mai, il loro impegno e vigilanza, nei rispettivi territori di competenza per una comune difesa del diritto universale alla salute di tutti e di ciascuno, così come stabilito dalla Costituzione Italiana. Auspicano che, da questa emergenza, si tragga insegnamento per considerare il Servizio sanitario nazionale un bene comune, da proteggere salvaguardare e sostenere con finanziamenti adeguati e attribuzione di nuove risorse  umane e strumentali. I Comitati infine, consapevoli della gravità del momento, si impegnano a concordare e attivare, nel prossimo futuro, azioni specifiche e in questa direzione, a difesa della Sanità Pubblica e della qualità del Ssn".

Di seguito, l'elenco dei comitati aderenti a questa iniziativa e a questa comunicazione.  
Comitato per la salvaguardia degli ospedali pubblici di Pieve di Cadore e di Agordo (Belluno)
Comitato S.O.S ospedale S. Antonio (Padova)
Comitato per la difesa della Salute Pubblica Alta Padovana (Padova)
Comitato per la difesa dell’ospedale di Adria e dei servizi socio-sanitari (Rovigo)
Comitato per l’art 32 (Rovigo) 
Comitato per la difesa della Sanità Pubblica Alta Marca Trevigiana (Treviso)
Movimento per la difesa della Sanità Pubblica Veneziana (Venezia)
Comitato S Bonifacio (Verona)
Comitato Sanità Pubblica Alto Vicentino (Vicenza)

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette