03/08/2020

VILLADOSE

Elezioni, si sgomita per il dopo Alessio

La Paparella si fa da parte, Novo o Schibuola per la maggioranza. Poi il marito della Zambello e la moglie di Dall’Ara

Elezioni, si sgomita per il dopo Alessio

VILLADOSE - L’emergenza coronavirus rischia di far slittare anche le elezioni comunali di Villadose, previste per il prossimo maggio. Il governo ha già rinviato il referendum costituzionale di fine mese: al momento non ci sono certezze né ufficialità, ma se l’emergenza dovesse continuare è possibile che elezioni regionali e amministrative vengano fatte slittare all’autunno.

In attesa di capire cosa succederà, comunque, a Villadose continua la marcia di avvicinamento all’appuntamento elettorale. Per raccogliere l’eredità di Gino Alessio, giunto al termine del secondo mandato (e che rischia di vedersi prorogare l’incarico di qualche mese, in caso di rinvio delle elezioni) sarebbe naturale pensare alla sua vice, Ilaria Paparella. A più voci, dalla maggioranza, le è stata chiesta la disponibilità a correre da sindaco, visto anche l’impegno profuso in questi anni e il consenso di cui gode in paese: cinque anni fa è stata proprio lei la regina delle preferenze. La stessa Paparella, però, ha escluso (almeno per ora…) la candidatura.

E allora, ecco spuntare altri due nomi dell’attuale giunta: l’assessore all’ambiente Vittorio Novo e l’assessore ai lavori pubblici Lisa Schibuola potrebbero essere i candidati dell’area di centrodestra.

Dall’altra parte, tra le persone che hanno mostrato - secondo i rumors - interesse a rivestire la carica di primo cittadino spiccano Erminio Vallese, marito dell’ex sindaco nonché attuale componente della giunta rodigina Mirella Zambello, ex direttore di banca ora in pensione e molto attivo nella comunità; e Antonella Bertoli, giornalista, scrittrice e attuale presidente della commissione provinciale pari opportunità, oltre che moglie del presidente della Provincia e sindaco di Ceregnano Ivan Dall’Ara.

Ma non sono gli unici nomi sul tavolo. La forte polemica legata alle problematiche ambientali, che negli ultimi anni ha surriscaldato il clima in paese, potrebbe dare il la a una candidatura dell’area ambientalista. Tre i possibili nomi: Lucia Pozzato, spesso portavoce del comitato Terre Nostre; l’ex consigliere comunale Michele Lionello, tra i fondatori dell’associazione Voci per la Libertà; e il commercialista Damiano Ferlin.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette