15/08/2020

BADIA POLESINE

L'Abbazia della Vangadizza in un docu-film sui Windsor

Gli alunni dell'Einaudi di Ferrara realizzeranno le riprese sui legami tra Estensi e Windsor. E le manderanno alla Regina Elisabetta

L'Abbazia della Vangadizza in un docu-film sui Windsor

BADIA POLESINE - Ad 961 porta le telecamere in abbazia. Moltissime le scene girate in Vangadizza dagli allievi dell’istituto tecnico Einaudi di Ferrara, impegnati nella realizzazione del docu-film sui legami tra Estensi e Windsor del quale, una volta ultimato, verrà inviata una copia anche alla Royal Family.

Il monumento badiese per eccellenza contiene un tesoro inestimabile di documenti antichi, dai quali scaturisce una storia che ha interessato i ragazzi ed alcuni docenti della 4G ad indirizzo grafica e comunicazione dell’istituto Einaudi di Ferrara. L’occasione è stata utile per iniziare un percorso di ricerca con la collaborazione del professor Paolo Aguzzoni del Sodalizio Vangadiciense, che custodisce migliaia di documenti originali. E’ stata proprio una pergamena utile a capire e sapere chi ha voluto l'abbazia e per quali motivi ad ispirare la produzione dell'istituto ferrarese.

Ad 961 evidenzia quindi il profondo ed antico legame tra il ducato Estense e la Vangadizza, situata a 35 chilometri dall’attuale città di Ferrara. Si scoprono così altre sfaccettature di una storia, intrighi vitali per la sopravvivenza di una stirpe, tra matrimoni combinati e capostipiti di una grande futura casata: i duchi di Windsor, attuali regnanti al trono di Inghilterra. Ma non c’è storia antica senza intrighi di corte, per una volta realmente accaduti, così come racconta uno stralcio del soggetto scritto dal professor Quaiotti: “Alda, una giovane dama, sola e nobile prigioniera di queste mura, cerca un senso al suo forzato villeggiare, circondata dalle nebbie. Ben presto comprende il senso di questo accadimento, scoprendo una lettera che parla proprio di lei ed un testo narrante la sua storia, che ancora dovrà accadere. Sgomenta da queste rivelazioni, Alda capisce che il suo destino è stato già scritto da mani potenti, per adempiere ad un bene superiore nella sopravvivenza di un popolo e per l’incipit di una dinastia, che ancora oggi, è una delle case regnanti più importanti e antiche del mondo.”

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette