12/08/2020

PORTO TOLLE

Il comprensivo di Porto Tolle vince il premio digitale

Mille euro per sviluppare il piano il premio per il progetto degli alunni

Il comprensivo di Porto Tolle vince il premio digitale

PORTO TOLLE - L’istituto comprensivo di Porto Tolle si è aggiudicato un riconoscimento di mille euro nell’ambito del “Premio scuola digitale”, concorso organizzato dall’istituto Munari di Castelmassa e la cui fase finale è stata ospitata nell’auditorium del liceo scientifico Paleocapa di Rovigo, lunedì. A contendersi il premio, il Comprensivo di Porto Tolle e quello di Badia, rappresentati per l’occasione da delegazioni di studenti.

Il “Premio scuola digitale” è un’iniziativa del ministero dell’istruzione che intende promuovere l’eccellenza e il protagonismo delle scuole italiane nell’apprendimento e nell’insegnamento, incentivando l’utilizzo delle tecnologie digitali nel curricolo, secondo quanto previsto dal piano nazionale per la scuola digitale, e favorendo l’interscambio delle esperienze nel settore della didattica innovativa. Durante la manifestazione, ci sono stati momenti di educazione e di approfondimento sugli aspetti positivi e negativi che il mondo digitale porta con sé a cura dell’associazione #Unitiinrete, rappresentata dalla presidente Federica Boniolo e la vicepresidente Federica Angelini.

C’è stato, inoltre, un intervento curato dal Punto Impresa digitale della Camera di Commercio di Venezia e Rovigo, che, attraverso la sua rappresentante, Cristina Facco, ha voluto evidenziare il ruolo della tecnologia nel mondo del lavoro, nell’industria 4.0 ed i servizi offerti dall’ente camerale correlati all’innovazione digitale. Il titolo di vincitore della fase provinciale se lo è aggiudicato proprio l’istituto comprensivo di Porto Tolle con il progetto “Noi per l’ambiente e lo sport, dal booktrailer alla booklist”, riscuotendo un premio di mille euro, da impiegare per la realizzazione e lo sviluppo dello stesso progetto, oltre che l’accesso alla finale della fase regionale che si terrà il 24 marzo nella sala delle Colonne di Ca’ Giustinian, a Venezia.

I ragazzi realizzeranno un video-catalogo digitale che raccoglie osservazioni e ricerche su libri, e-book e riviste, sia di recente pubblicazione che appartenenti all’antologia scolastica, testi diversi che hanno come argomento la salvaguardia dell’ambiente naturale e i valori autentici dello sport in linea con la campagna Sport 4 Heart del Coni. Con la creazione di “Diamo movimento all’ambiente”, video-catalogo digitale sarà possibile trasmettere punti di vista, teorie, opinioni e valori.

Al secondo posto si è piazzato, invece, il Comprensivo di Badia Polesine con il progetto “Un’app contro l’ansia”, Il progetto nasce per l’esigenza di gestire l’ansia scolastica attraverso l’uso delle tecnologie digitali e mira a creare app per passare dal consumo a volte passivo della tecnologia, alla creazione di tecnologia. I progetti sono stati valutati da una giuria di sette componenti: un rappresentante dell’Usr, un rappresentante dell’Ust, un rappresentante degli enti locali, un rappresentante dell’università, un rappresentante dell’ente camerale, due esperti di didattica e tecnologie digitali.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette