09/08/2020

PALAZZO RONCALE

Tre secoli d'Inferno

Dal 28 febbraio a Rovigo la mostra “Visioni dell’Inferno” propone una rievocazione della prima cantica dantesca affidata a tre artisti internazionali

ROVIGO - “Visioni dell’Inferno”, a Rovigo, in Palazzo Roncale dal 28 febbraio al 28 giugno, propone una rievocazione della prima cantica dantesca affidata a tre artisti internazionali, uno per ciascuno degli ultimi tre secoli. L’inferno in versione ottocentesca non poteva che ssere quello, universalmente noto del francese Gustave Dorè, di cui in mostra sarà l’intero corpus di 75 tavole. Per evocare l’inferno in versione novecentesca sono state riunite le immagini di “Dante’s Inferno (1958-60)” dello statunitense Robert Rauschenberg. Un’artista donna, la tedesca Brigitte Brand è stata, infine, chiamata ad illustrare l’Inferno con occhi e sensibilità di oggi. L’artista propone in mostra anche un omaggio alla Grande Quercia, l’albero cui Dante sarebbe stato tributario della propria salvezza. Alla Grande Quercia di Dante, nello stesso palazzo Roncale, è riservata un’ampia sezione documentativa.

“Visioni d’Inferno” ripercorre i 33 canti, oltre all’Introduzione della Cantica. Ciascuno è introdotto dai versi più famosi e da una breve sintesi, a complemento delle tavole dei tre artisti.

“Brigitte Brand può permettersi la levità, la leggerezza: le sue soluzioni cromatiche sono molto tenui, i segni sono leggeri, quasi esordienti ma che comunque sono decisi. I transfer di Brigitte però attingono ai bacini della storia dell’arte e dei suoi viaggio, creando un universo che, per quando richiami Rauschenberg, è unico e peculiare” hanno raccontato i curatori. Il quadro, di Brigitte Brand, presentato oggi sarà nella sezione introduttiva della mostra dedicata alla Quercia di Dante.

“Visioni dell’Inferno” rientra nel progetto rientra nel progetto “La Quercia di Dante” ideato e gestito da: Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Comune di Rovigo, Accademia dei Concordi, Parco Regionale del Delta del Po Veneto (Riserva della Biosfera MAB Unesco), Comune di Ariano nel Polesine, Comitato Dante Alighieri di Rovigo, Ministero dell’Istruzione dell’università e della ricerca, Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto insieme ad altre istituzioni territoriali e nazionali.

 

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette