15/08/2020

LENDINARA

La rete e i suoi pericoli: lezione della Polizia a scuola

Ottanta alunni delle medie coinvolti nell'incontro organizzato da commissione Pari opportunità e Prefettura

La rete e i suoi pericoli: lezione della Polizia a scuola

LENDINARA - “I pericoli in rete” è il titolo dell'incontro organizzato dalla commissione provinciale Pari opportunità, dalla Prefettura, dalle Forze dell’Ordine e dall’Ufficio scolastico provinciale, tenutosi a Lendinara alla "Alberto Mario". Circa ottanta alunni delle medie si sono incontrati nell’aula magna della sede centrale di Lendinara e hanno ascoltato Luca Bordin, ispettore superiore della Polizia di Stato, sezione di Polizia Postale e delle Comunicazioni.

Bordin ha mostrato agli alunni, con l’aiuto di slide e filmati, i pericoli in cui ragazzi e ragazze possono incorrere usando il web in modo scorretto e poco attento. L’obiettivo, come precisa il progetto, è quello di spiegare ai ragazzi come evitare di cadere nelle insidie che la rete e il web spesso nascondono e di illustrare ai genitori i possibili interventi che i genitori possono mettere in atto per scongiurare i pericoli di varia natura, come cyberbullismo, online grooming (adescamento), anoressia e internet, dipendenza da internet e social network.

A presentare il progetto a Lendinara sono state Antonella Bertoli, presidente del Comitato pari opportunità, e Francesca Zeggio, assessore alla pubblica istruzione di Lendinara, insieme agli ispettori della Polizia Postale. Nella mattinata di sabato, poi, è fissato un incontro per i genitori degli alunni delle primarie, convocati sempre nella stessa sala per ascoltare la relazione del tenente colonnello Umberto Carpin e del maresciallo maggiore Davide Pigaiani del Comando Provinciale Carabinieri Rovigo. Gli incontri proseguiranno poi in altre scuole, come Castelmassa, Adria, Porto Tolle e Porto Viro.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette