22/10/2020

ROVIGO

Polveri sottili, altro sforamento in città

Da martedì, se le cose non cambieranno, ci sarà un inasprimento nella circolazione dei veicoli a Rovigo

Polveri sottili, altro sforamento in città

ROVIGO - Dieci giorni di sforamenti a Rovigo: da martedì potrebbe scattare un nuovo inasprimento dei limiti alla circolazione delle auto in città. Lo deciderà lunedì il Comune di Rovigo sulla base del bollettino dell’Arpav che sarà diramato in mattinata. Ma se tutto andrà come le condizioni meteo lasciano presagire ci sarà l’ennesimo superamento del limite di guardia delle polveri sottili, e sarà l’undicesimo di fila, e di conseguenza l’attivazione dell’allerta rossa con l’ulteriore inasprimento dello stop ai mezzi più inquinanti.

Nell’ultima rilevazione Arpav, quella relativa a sabato scorso, le centraline di Rovigo hanno toccato quota 99 per quel che riguarda le pm10 (quantità di co2 per metro cubo d’aria), mentre il giorno l’asticella si era fermata a quota 83. Quello di sabato è stato il decimo sopra soglia di fila, che potrebbe essere seguito da quello di ieri, e che sarà reso noto oggi. Insomma aria irrespirabile da giorni. E non solo a Rovigo, perché ad Adria le polveri sottili sono arrivate allivello 79, registrando l’ottavo sforamento negli ultimi 10 giorni.

Lunedì dunque potrebbe essere decisa l’allerta rossa e l’inasprimento delle misure restrittive, che entreranno in vigore martedì. l’ordinanza di riferimento prevede il divieto di circolazione in centro storico e nei quartieri urbani, tutti i giorni dalle 8.30 alle 18.30, anche per i veicoli euro 4 privati; fino alle 12.30, invece per gli Euro 4 commerciali. L’allerta resterà in vigore fino a cessato allarme comunicato da Arpav. Lo stop quindi riguarderà anche i furgoni utilizzati per motivi di lavoro da artigiani e commercianti.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette