20/10/2020

ROVIGO

Smog alle stelle (di nuovo). Euro 4 pronti diesel a restare in garage

Quattro giorni consecutivi di sforamenti: domani mattina Arpav decide il blocco del traffico

Smog oltre i limiti consentiti,  si avvicina il blocco del traffico

ROVIGO - E sono quattro. Nonostante la pioggia, poca a dire il vero, di sabato scorso, lo smog rimane fermo nei cieli di Rovigo, rendendo l’aria irrespirabile. E con lo sforamento di sabato, ultima rilevazione utile delle centraline Arpav, salgono a quattro i sopra soglia di fila. Numero che potrebbe portare ad una nuova restrizione del traffico. Per saperlo basterà attendere domani quando l’Arpav diramerà il proprio bollettino. Che, quindi, potrebbe determinare l’accensione dell’allerta arancione a Rovigo e quindi la limitazione alla circolazione delle auto più inquinanti. Sarebbe la riedizione del blocco arancione che ha caratterizzato il traffico in città dal 7 al 17 gennaio scorso

Ieri la centralina Arpav di Rovigo si è fermata a quota 77 microgrammi di polveri sottili per metro cubo di aria, nei tre giorni precedenti la concentrazione di pm10 nell’aria è stata analoga. Valori molto simili anche nelle altre città del Veneto e probabilmente di quasi tutto il bacino padano, a dimostrazione di come lo smog sia un’emergenza dell’intero Nord Italia. Da inizio anno gli sforamenti della soglia 50 sono già stati 18 in poco più di 20 giorni. Numeri che non hanno bisogno di ulteriori commenti.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette