25/05/2020

CARABINIERI

Stava trasportando un chilo di cocaina quando...si è schiantato

Oltre all'incidente, arriva l'arresto

95165

Arrestato e portato in carcere

BOSARO - A settembre 2017, era stato protagonista di un incidente di moto, non grave, tra Bosaro e Polesella. Nessuna conseguenza fisica di rilievo, per fortuna, per il 28enne marocchino. L’intervento delle forze dell’ordine, però, carabinieri compresi, consentì di notare come il contegno del giovane fosse molto strano, quasi volesse sottrarsi ai soccorsi. Approfondendo le verifiche, scoprirono, secondo le contestazioni, che poco prima si era disfatto di un chilo circa di cocaina, cercando di nasconderlo tra la vegetazione. Si tratta di un giovane marocchino già noto alle forze dell’ordine, per precedenti problemi con la giustizia avuti in Lombardia.

In primo grado, a processo, il giovane era stato condannato a 5 anni e 8 mesi, a marzo 2018, sentenza poi confermata anche in Appello. In Cassazione, invece, alla quale si era rivolta la difesa, le cose sono andate in maniera parzialmente differente. Di tutti i motivi di ricorso che erano stati presentati, infatti, unicamente uno ha fatto breccia nei Supremi giudici, unicamente per quanto concerne la modalità di determinazione della pena. Questa, come detto, era stata fissata a 5 anni e 8 mesi, partendo da una pena base di otto anni.

In realtà, secondo la valutazione della Cassazione, si sarebbe dovuta applicare la normativa più favorevole all’imputato che, in quel periodo, prevedeva una pena base di 5 anni, sicuramente meno di 8. Di conseguenza, accolto il ricorso limitatamente a questo aspetto, gli atti sono stati trasmessi alla Corte di appello competente affinché provveda alla rideterminazione della pena.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette