10/07/2020

CALCIO

Campioni in tour fa tappa a Badia

Al Palasport di Badia Polesine è arrivato il più grande progetto calcistico giovanile del mondo

A Badia è arrivato Campioni in Tour

BADIA POLESINE - Campioni in Tour ha fatto tappa a Badia Polesine. Due mesi di preparativi e un’organizzazione impeccabile hanno portato a Badia una tappa del tour nazionale dell’evento benefico nato a San Siro nel maggio 2010 e oggi divenuto il più grande progetto calcistico giovanile del mondo. Il progetto, ideato da Francesco Gullo, consiste nel dare la possibilità a migliaia di bambini e soprattutto a società dilettantistiche di giocare negli stadi di Serie A e B.

A quest’attività Gullo abbina una raccolta fondi destinati ai reparti di pediatria di vari ospedali. “Ho conosciuto Francesco quando allenavo il Chievo Verona - racconta Viviana Ragona, dirigente dell’Abbazia Calcio e fautrice dell’evento - e finalmente sono riuscita a portare una tappa del suo nobile progetto anche a Badia”. L’evento badiese è stato tutto un susseguirsi di esibizioni dei calciatori in erba e, grazie alla generosità di numerosi sponsor, è stata allestita una lotteria con il ricavato che è andato in beneficenza.

Campioni in Tour nasce per volontà di Francesco Gullo, ex calciatore già protagonista del reality calcistico “Campioni”, che ha perso un figlio nel 2009. In quell’anno Francesco si è recato in Abruzzo per costruire una squadretta di bambini aquilani che potesse giocare al Meazza in rappresentanza di tutte le vittime del terremoto e, da allora, si dedica alla raccolta fondi in favore dei bambini ricoverati nelle pediatrie d’Italia. In questi dieci anni, il tour è divenuto una realtà unica e inimitabile. Presenti il delegato Figc Provinciale Luca Pastorello, e l’assessore Stefano Baldo che, molto soddisfatto, ha ringraziato i genitori che hanno contribuito alla raccolta fondi integrando il ricavato della lotteria. Assessore che si è detto soddisfatto anche per la partecipazione delle due società badiesi, Us Badia e Abbazia. All’evento erano inoltre presenti Altopolesine, Castelmassa, Cavazzana, Terrazzo, Trecenta.

Per la cronaca, hanno acquisito il diritto di partecipare alla finale nazionale al Penzo di Venezia, l’Altopolesine e il Cavazzana. 72 ore dopo la manifestazione svoltasi al palasport di Badia Polesine, Viviana Ragona e Francesco Gullo hanno provveduto a consegnare i regali natalizi alla pediatria dell’ospedale di Rovigo. Certamente Mara Verzaro (l’indimenticata nonna di Viviana) sarebbe stata felice di tutto questo.

LASCIA IL TUO COMMENTO:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Notizie più lette